Translate

martedì 10 aprile 2018

"CASTALIA: LA FIGLIA DEL CORVO" di Francesca Redeghieri




Buongiorno follower!
Oggi lascio la parola a Francesca Redeghieri che ci presenta "Castalia: La figlia del corvo", il secondo volume della serie "Amazzoni", edito Emma Books.







Autore: Francesca Redeghieri
Serie: Amazzoni Vol.2

Casa editrice: Emma Books

Disponibile in ebook a € 1,99






TRAMA:

Continua l’avanzata vittoriosa di Annibale verso Roma. Nonostante abbia perduto le invincibili amazzoni, profondamente segnate dalla sparizione di Amistad, il condottiero di Cartagine cerca nuove alleanze tra il popolo celtico, l’unico che può sostenerlo nella sua conquista, e il suo cuore continua a pulsare d’amore per Castalia, la silenziosa guerriera dai capelli color ruggine rimasta al suo fianco.
Intanto, una nuova profezia si affaccia all’orizzonte e un nuovo mistero sta per essere svelato: una bambina avrebbe dovuto essere pronta per l’arrivo del corvo. Per lei si fonderanno insieme l’amore del passato e quello del presente e da lei sorgerà una nuova discendenza, il cui compito sarà volare più in alto dell’aquila.




BIOGRAFIA:

Francesca Redeghieri ha 38 anni e vive con il compagno e la figlia Ginevra a Novellara, in provincia di Reggio Emilia.
Durante il giorno lavora come fiorista in un negozio chiamato Il Sogno, che rispecchia benissimo ciò che è, una vera sognatrice ad occhi aperti. Mentre alla sera, quando tutti dormono, accende il suo pc ed entra nel suo magico mondo di carta.
Adora leggere e scrivere quando la casa è avvolta nel silenzio, perché così i suoi personaggi hanno libero sfogo di far sentire la loro voce.
All’età di diciannove anni ha pubblicato il suo primo romanzo storico: Come Vento Selvaggio (Edizioni Beta 2001) ambientato tra gli indiani d’America.
Amistad La Figlia Della Luna racchiude dentro di sé tutte le sue più grandi passioni: la storia antica, la mitologia, i cavalli e l’amore che fa palpitare i cuori.
Ha una scrivania piena zeppa di cassetti, e dentro ognuno di questi c’è una storia diversa che aspetta solo di essere raccontata.







DICE L’AUTRICE:

All'interno di questa novella, Annibale arriva in un piccolo insediamento celtico chiamato Nevon Airia. Ebbene, questo antico insediamento celtico non è altro che il paesino in cui vivo (Novellara o Nubilaria come l'avevano battezzata i romani) e in cui si presume sia passato realmente Annibale.




BREVE ESTRATTO:

Annibale le si affiancò in sella al suo stallone. «Credevo d’aver visto la tua furia nella battaglia contro Scipione, ma oggi Castalia hai fatto onore a tutte le sorelle amazzoni che ti hanno preceduto.» E un battito in più gli palpitò nel petto.
L’amazzone sorrise e il suo cuore esultò dinanzi a quell’amore che lo aveva reso schiavo.
Lui era Annibale, il grande condottiero.
Il conquistatore.
Ma dinanzi a Castalia non era altro che un umile servo, nato con il solo scopo di amarla e venerarla.
«Oggi ho solo portato a termine il mio compito» gesticolò lei prima di sporgersi in avanti sulla sella per appoggiargli la mano aperta all’altezza del cuore.
«Tu sei molto di più della mia guardia personale e oggi ti sei battuta come la sovrana di Cartagine.»
«L’unico posto nel quale desidero regnare è questo.» Picchiettò lei con il dito sul suo petto e in quell’istante il cuore di Annibale si incendiò.






Nessun commento:

Posta un commento