Translate

venerdì 30 giugno 2017

DOPPIA RECENSIONE "LE RADICI PROFONDE DELLA PASSIONE" di Diana Palmer


Buon pomeriggio follower!
Ambasciatrici Harmony all'appello!
Poteva mancare la nostra recensione sul libro di Diana Palmer? 😄








Titolo: Le radici profonde della passione
Autore: Diana Palmer
Serie: Harmony Romance di Giugno

Casa editrice: HarperCollins Italia

Disponibile in formato cartaceo a € 6,90 






TRAMA:

Wolf Patterson e Sara Brandon si conoscono da qualche tempo, ma il rapporto che li ha uniti fin da principio è stato un mix esplosivo di odio e amore. Il destino ha voluto che il bell'allevatore dagli occhi di ghiaccio incontrasse la sua vicina di proprietà, all'inizio solo in maniera virtuale, tramite un gioco in cui le loro identità erano nascoste, e solo dopo un po' di persona. Le confidenze scambiate prima di vedersi si trasformano in breve in accesi battibecchi faccia a faccia che però non riescono a celare un'attrazione che ha radici forti e che si fa più profonda ogni giorno che passa. Wolf riesce a vedere l'anima vulnerabile, segnata da pesanti traumi adolescenziali, che si nasconde dietro alla facciata dell'indipendente e determinata ragazza, e Sara a sua volta sa che nessun uomo sarà mai in grado di attirarla come fa Wolf.
Il problema è che entrambi hanno degli scheletri nell'armadio da affrontare prima di poter arrivare a costruire la famiglia che sembrano desiderare. 


IL PARERE DI LAURA COLUCCI:
Come seconda lettura del mese di giugno ho scelto un libro di Diana Palmer appartenente alla collana Harmony Romance.
La trama è più articolata rispetto ai precedenti libri che ho letto.
Vengono inoltre affrontati dei temi delicati come l'abuso su minore.
I protagonisti di questa storia sono Wolf e Sara, due persone accomunate dai traumi che hanno segnato il loro passato.
Wolf è un ex soldato, ha visto e provato sulla sua pelle gli orrori della guerra; ma più di tutto, ciò che l'ha segnato è stato il tradimento della donna che amava.
A causa di ciò è diventato un uomo arido, incapace di amare e di fidarsi delle donne e costantemente accecato dalla vendetta.
Sara invece è una donna fragile, innocente, vittima degli abusi del patrigno in giovane età che l'hanno segnata profondamente. Un trauma questo che le ha impedito di vivere una vita normale e di approcciarsi con il genere maschile.
Fra i due non corre buon sangue all'inizio, nel loro rapporto prevale l'odio reciproco alla cui base però si nasconde una potente attrazione.
Sono entrambi estremamente frenati per via dei loro problemi ma si rendono conto che, nonostante potrebbero distruggersi a vicenda, la scintilla che li attira l'una verso l'altro è più forte di ogni impedimento.
I due riusciranno così a confidarsi i reciproci problemi che si portano dal passato e con fatica, affrontando vari ostacoli, riusciranno a raggiungere il loro lieto fine e a lasciarsi i ricordi del passato alle spalle.
La trama è sicuramente ben articolata e coinvolgente.
Questo è il primo libro che leggo della Palmer e non sono rimasta per nulla delusa.
Anche i temi affrontati hanno reso più interessante la lettura che altrimenti sarebbe sconfinata nei soliti cliché.
Posso dire di aver scoperto una nuova autrice di cui spero di leggere al più presto nuove pubblicazioni. 


IL PARERE DI SILVIA COSSIO:
Bellissimo! Letto in una manciata di ore. Talmente coinvolta dalla lettura, da chiudere il mondo fuori dalla porta per dedicarmi a tempo pieno, complici le ferie, a questo romanzo tanto atteso. E quando dico “atteso” non è tanto per… Le amanti di questa autrice hanno dovuto aspettare anni per un inedito, eh? Quindi, il meno che potessi fare, era “gustarmelo” in santa pace 😉
Già leggendo la prima pagina si resta catturati dal libro… ehmm… forse dovrei dire dal protagonista…

Era affascinante. Fisicamente mozzafiato: fianchi stretti e spalle larghe, alto e abbronzato, mani grandi e piedi in proporzione. Si era calato lo Stetson sulla fronte e da sotto la tesa spuntava solo il bagliore irridente dello sguardo. Le lunghe gambe muscolose, fasciate dai jeans di un noto stilista, erano incrociate e terminavano in un paio di costosi stivali da cowboy. La camicia chambray, aperta sulla gola, lasciava intravedere la folta peluria nera che gli copriva il torace.

Ma gli uomini della Palmer, si sa, non lasciano mai indifferenti, anche quando sono provati mentalmente o fisicamente. Uomini duri, sul cui passato è meglio non fare domande, spesso autoritari e arroganti, ma che si piegano di fronte alla donna giusta. E sfido chiunque, ripeto chiunque, a non sognare di ritrovarsi al posto della Lei di turno. Non importa quante umiliazioni si devono subire prima di arrivare al lieto fine, perché si ha la certezza di essere ripagate di tutto grazie all’amore di questi straordinari protagonisti. E il “vissero felici e contenti” assume un valore tutt’altro che scontato. La Palmer ha l’innata capacità di farti odiare e poi amare, e poi odiare e poi ancora amare i suoi personaggi. Con il loro bagaglio di difetti, problemi di varia natura, schiavi di un passato che li perseguita… e noi lì, pronte a perdonarli. Certo, ci sono anch’io! Il mio nome è Sara… 
Ho un vissuto traumatico alle spalle che mi porta a essere diffidente nei confronti degli uomini, tutti tranne uno che, però, a detta di tutti, è meglio tenere alla larga. La nostra unione potrà solo aggiungere sofferenza alla mia già difficile vita, ma per qualche ragione mi sento attratta da lui, so che non mi farà mai del male. Il suo passato non è migliore del mio e forse è proprio questo che ci accomuna. Forse, insieme, possiamo affrontare i nostri demoni e… Ma la strada sarà lunga e non mancheranno gli ostacoli.

Tornando alla storia, alcune situazioni hanno un che di troppo drammatico: traumi da ammortizzare, conclusioni affrettate dall’esito catastrofico, altre dove gridare “al miracolo!”. Tuttavia, regge bene e, a differenza di altri libri della Palmer, dove si dà molto spazio all’aspetto “poliziesco”, qui la storia d’amore ha la precedenza su tutto. Non mancano i riferimenti ad altri romanzi già pubblicati e i protagonisti che abbiamo tanto amato fanno la loro breve comparsa, mentre altri nuovi fanno sperare in un seguito anche per loro. Possibilmente non troppo lontano…
Che dire ancora? Consigliatissimo! 😊

PS: sempre più convinta che la Contea di Jacobs meriti una visitina… Tutti quei terreni che si estendono per chilometri, i ranch isolati, la cordialità degli abitanti… Nulla a che vedere con i meravigliosi protagonisti che sforna la Palmer, naturalmente… 😎 Seeee… vabbè, a chi voglio raccontarla? La serie sui mercenari di Jacobsville credo che a breve sarà la causa di un trasferimento di massa… 😂😂 



"CAPE RIVER LIGHT AND DARKNESS" di Claudia Melandri


Buongiorno follower!
E poi uno si chiede cosa passa per la testa della gente quando, annoiata, è in fila alla cassa del supermercato, in posta, o in banca... Chi pensa a cosa preparerà per pranzo e chi butta giù le basi per un libro... 😂😂
Vi segnalo "Cape River Light And Darkness", il nuovo libro di Claudia Melandri 😊






Titolo: Cape River Light And Darkness
Autore: Claudia Melandri

Genere: Paranormal Romance

Disponibile in ebook a € 1,99

Pagina autore: Claudia Melandri Autrice






TRAMA:

Scontare una condanna da innocente: cosa può esserci di più atroce? Forse vedere bruciare il tuo corpo nel tentativo di sfuggire alla prigionia. Questo è il destino di Daniel Keane, il condannato, guardiano e signore, contro la propria volontà, del faro e del promontorio di Cape River. A nessun altro è concesso rimanere su quella terra macchiata di sangue quattrocento anni prima, se non vorrà far parte anch'egli del tragico disegno. Questo lo sa molto bene anche Elena Cortese Ross. Ma la tenacia di Elena supera di gran lunga la tanto temuta condanna, pur di liberare Daniel dalla crudele sentenza sarà disposta a scatenare l’ira di chi vuole tenerlo legato a una maledizione centenaria, pronta a dare la vita se fosse necessario. Perché Lui è tutto ciò che ha sempre desiderato: forza, coraggio indomito, fascino oscuro impregnato da un alone di mistero, un segreto che avvolgerà il suo cuore imprigionandolo per l’eternità. Lui le tenebre. Lei la luce. Un solo respiro, un unico amore. Insieme contro il destino che è stato già scritto. 








DICE L'AUTRICE:

Ogni mia storia letteraria è nata da una scintilla improvvisa che ha innescato la miccia. Tutto succede per una ragione è una frase che mi ripeto da quando non ero che una ragazzina con tanti sogni nel cassetto e la voglia di tirarli fuori e dargli vita. Cape River è nata così, tra un pensiero e l'altro in fila allo sportello dell'ufficio postale, ehm… sì, in coda agli sportelli arrivano trame fantastiche, che poi forse non esploderanno in un nuovo romanzo ma che di sicuro saranno messe nero su bianco, in attesa di tempi migliori. Quante sono le trame? Non molte, tre quelle con grandi potenzialità di vederle sviluppate. La storia di Daniel ed Elena non doveva avere questo corso, avevo immaginato tutto un altro risvolto ma sono un'autrice che scrive di getto e fare scalette, programmi, mettere paletti, non fa per me. Infatti, come volevasi dimostrare, anche questa volta il mio intento ha preso tutt'altra direzione.  Invidio, nel senso buono del termine, chi riesce a fare un programma e seguirlo con dedizione, si agevola di molto un lavoro già di per sé duro. Una cosa però sono riuscita a mantenere, volevo un romanzo autoconclusivo e così è stato. Non perché non avessi materiale a disposizione per continuare ma perché volevo capire e sondare se anch'io fossi in grado di racchiudere tutto in un unico volume, senza strafare e senza essere troppo leggera (be’ sì, questo poi tocca ai lettori dirlo). Il dono della sintesi non è in me, non lo è mai stato, e con Cape River mi sono messa alla prova. Amo questa storia, certo, ogni scarrafone è bello a mamma sua ma quando ci metti il cuore e l'anima in ciò che fai, tutto diventa bello, reale, vero, anche se parliamo di un contesto immaginario… molto immaginario. Incrocio le dita, sperando che i lettori possano amare Cape River e passare con esso qualche ora in totale relax, sognando fari, laghi, cavalli e un amore che supera il confine tra realtà e fantasia.