domenica 24 marzo 2019

"OLTRE L'ORIZZONTE" di Mary Durante



Buongiorno follower, buona domenica!
Vi segnalo "Oltre l'orizzonte", il nuovo romanzo dell'autrice Mary Durante.




Autore: Mary Durante
Serie: Second Chances Vol.2


Genere: MM Omegaverse distopico

Disponibile in ebook a € 3,49
e in formato cartaceo a € 13,30

Pagina autore: Mary Durante Autrice 




TRAMA:

Un Alpha senza potere è un Alpha inutile.
Roy ha perso tutto ciò che la società in cui è cresciuto gli ha insegnato a desiderare: il prestigio, il rispetto dei suoi pari, una carriera. Non possiede nemmeno più una pistola.
Ma ha Lorence al suo fianco, e nient'altro importa.
Fuggito in una città straniera dove quelli come lui sono considerati obsoleti, marchiato come disertore, deve imparare ad adattarsi a un nuovo mondo e alle sue strane regole, muovendo i primi passi in una relazione paritaria senza abbandonarsi alle ombre del passato.
Per il suo Omega, l'uomo che gli ha permesso di tornare a vivere, è pronto a tutto, anche a rinnegare i propri valori e a rimanere in secondo piano, guardandolo con orgoglio mentre si lascia alle spalle la schiavitù per costruire il proprio futuro.
A un anno dall'arrivo in Spagna, Roy ha trovato il proprio equilibrio e la felicità accanto all'uomo che ama.
O almeno è quello che crede, finché la richiesta di una vecchia conoscenza di Lorence non giungerà a stravolgere tutto ciò che hanno costruito assieme e, forse, a minare le basi stesse del loro legame.

Nota: Storia a tematica Omegaverse. Niente m-preg, né mutaforma.



BIOGRAFIA:

Mary Durante vive con sua madre, un canetopo, un gatto-quaglia e una gattina tutta orecchie e fusa che risponde al nome di Bubastis ed è assieme supporto scrittorio ed elemento di disturbo.
Grande amante della lettura e in particolare delle storie M/M, è ormai da tempo un'assidua frequentatrice dei siti di scrittura amatoriale. Dopo svariati anni in cui si è dedicata alla stesura di storie e fanfiction con il nick di Bluemary, e dopo qualche mese di esperienza come traduttrice, si è decisa a scrivere lei stessa un primo libro, divenuto poi il punto di partenza per le idee poco caste e gli aitanti protagonisti diversamente etero che ormai le affollano la testa.
Attualmente sta pubblicando con Quixote Edizioni la serie Shadows, una serie MM sul BDSM che per ora comprende due romanzi e una novella: “Come ombre nella notte” (primo romanzo), “Come un brivido nel buio” (novella gratuita) e “Come un marchio sulla pelle” (secondo romanzo).



DICE L’AUTRICE:

Questo libro inizialmente doveva essere una novella. Essendo il seguito di “Dietro una porta chiusa”, che aveva già un suo finale, doveva solo mostrare nel dettaglio il marchio e un'altra cosina che non esplicito, visto che sarebbe spoiler. Ma man mano che scrivevo, mi sono resa conto che avevo ancora parecchio da raccontare, soprattutto su Roy, e così la novella si è ampliata in un libro vero e proprio, che si incentra sull'Alpha e sulla sua evoluzione in una realtà diversa da quella in cui ha sempre vissuto.

Sono amica di una bravissima fanartist, Ambra Cronos, che ha disegnato ben cinque tavole per questa serie, tutte incentrate su Roy e Lorence. Se siete curiosi, si possono trovare sulla mia pagina autrice. Una sesta tavola, che non si può trovare separatamente, è una sorpresina per chi deciderà di acquistare il cartaceo di “Oltre l'orizzonte” e si lega al finale della serie.



BREVE ESTRATTO:

«Lorence,» lo chiamò, in un mormorio confuso, perché stava sorridendo, ma al tempo stesso gli sembrava sul punto di piangere.
Il suo Omega scosse la testa, prima di nascondergli l'espressione rifugiandosi contro il suo collo, tornando a stringerlo con entrambe le mani, quasi avesse paura di sentirlo scomparire.
«Vorrei che il tempo si fermasse in questo istante.»
Aveva parlato con voce così sommessa e le labbra premute contro la sua pelle, che lui lo udì a stento.
«Perché?»
«Perché sono felice.»


sabato 23 marzo 2019

"ARTE PERVERSA" di Enzo Casamento



Buongiorno follower, buon sabato!
Fresco di pubblicazione "Arte perversa", dell'autore Enzo Casamento 😊







Titolo: Arte perversa
Autore: Enzo Casamento
Genere: Thriller

Disponibile in ebook a € 3,99
e in formato cartaceo a € 11,99

Pagina autore: Enzo Casamento 




TRAMA:

Andrew Hill, un sedicente guaritore, viene arrestato con l’accusa di essere Satana, lo spietato serial killer che marchia a fuoco le sue vittime con un cobra, il simbolo più sacro del Satanismo. Oltre ad ucciderle in maniera crudele, Satana “lavora” il corpo delle vittime per riprodurre quadri famosi.
Al processo Hill viene assolto. Gli omicidi riprendono.
Nonostante l’assoluzione, la task force che dà la caccia al killer è convinta che anche i nuovi omicidi siano opera di Hill.
L’agente Anna Russo non è convinta della colpevolezza di Hill, per cui viene espulsa dalla squadra che si occupa del caso. Quando il suo passato torna a minacciarla, si rende conto che Hill è l’unico che potrebbe aiutarla. Nonostante il pericolo, decide di incontrarlo da sola, senza alcuna protezione…



BIOGRAFIA:

Enzo Casamento, già autore di un best seller internazionale su giochi logici e creatività, esordisce nella narrativa pubblicando in esclusiva con Amazon “Acuba – Trappola da un altro mondo”, romanzo che ottiene un notevole successo.
“Arte perversa”, sempre in esclusiva con Amazon, è il suo secondo romanzo.



DICE L’AUTORE:

Nella copertina del libro si vede in uno dei quadri "La ragazza col turbante" di Vermeer; in quello precedente si intuisce "L'Urlo" di Munch, nel successivo "Il bacio" di Klimt.
Questi quadri, come pure "Guernica" di Picasso, verranno utilizzati dal serial killer per le sue "composizioni"






BREVE ESTRATTO:

Anna invitò l’amica alla Sweet Sicily, una pasticceria siciliana di Manhattan. Il locale era affollato. L’aria profumava di caffè e di brioche calde; oltre il vetro di un banco, file di piccole paste: di mandorla, al pistacchio, al cioccolato, alla crema; amaretti e altre leccornie.
Presero posto a un tavolino in disparte.
Kayla indossava una gonna corta grigio perla, Anna dei jeans scoloriti. Le giacche servivano a nascondere le armi.
Dopo la granita fragola con panna, ordinarono un cannolo alla ricotta con scaglie di cioccolato al posto dei canditi.
«Meglio non pensare a quante calorie corrispondano» rise Kayla addentando una delle estremità con la granella di mandorle. «La domenica una trasgressione ci sta».
«Ma se sei un chiodo» rise Anna.
«Ho questo grosso» batté una mano sulla natica destra.
«Di grosso hai il tarlo in testa. Il tuo corpo è atletico, perfetto».
«Senti, stasera c’è una festa da Logan e noi siamo invitate».
Anna guardò l’amica. Il taglio di capelli era recente, il trucco leggero poco appariscente; grandi occhi azzurri, sguardo affascinante, una gran bella donna. Piaceva molto agli uomini. Sei mesi prima aveva troncato la storia con un uomo sposato, dieci anni più vecchio di lei.
«Mi spiace, Kayla, io non vengo».
«Dai. È cotto di te. Ed è un gran figo».
«Anche una bella persona. Apprezzo le sue qualità, ma a me non interessa».
«Si è alzato subito dopo che Brown mi aveva sospesa, rischiando grosso. Logan impazzisce per te, ti guarda imbambolato come un ebete».
«Kayla, tutto quello che vuoi, ma io ho chiuso con gli uomini».
«Senti» gesticolò con le mani «andiamoci soltanto per una serata allegra, per brindare in compagnia».
«Cosa dovrei festeggiare?»
«Sei incazzata per l’allontanamento dalla squadra?»
«Per nulla. Che ci stavo a fare? Siete fissati su Hill».

«Quando il caro Andrew è stato scarcerato, c’è stata una vittima in quattro delle città in cui si è recato. Ti sembra una coincidenza?»


venerdì 22 marzo 2019

DOPPIA RECENSIONE "L'AMORE BRUCIA COME ZOLFO" di Lucia Maria Collerone



Buon pomeriggio amici lettori 😊
Doppia recensione per "L'amore brucia come zolfo" di Lucia Maria Collerone, a cura di Mary Rotnan e Mariella Mogni.


Autore: Lucia Maria Collerone
Serie: Partenogenesi Vol.3

Genere: Romanzo storico

Casa editriceWriteUp Site

Disponibile in ebook a € 4,19
e in formato cartaceo a € 11,49

Pagina autoreLucia Maria Collerone




TRAMA:

L’opera è un romanzo storico ambientato nella città di Caltanissetta nel momento in cui essa è il centro mondiale dello zolfo, la grande storia dell’Indipendenza dell’Italia e dell’economia basata sull'estrazione dello zolfo fanno da sfondo alle vicende sociali e umane di due classi sociali: quelle degli zolfatari e delle loro donne, che lottano duramente per sopravvivere in condizioni di vita e di lavoro disumane e aberranti e dei nobili padroni delle miniere che gestiscono la ricchezza e governano le povere, disperate dei “diavoli della pirrera”.
Molte storie s’intrecciano con il loro carico di sofferenza e umanità, esseri umani schiacciati dalla povertà assoluta e dalla disperazione, che si ergono a titani e non arretrano davanti al dolore, alla crudeltà del reale e rispondono alla vita con coraggio e forza sorprendenti. Ci sono uomini che le convenzioni sociali stigmatizzano e costringono a scelte di vita senza scampo, senza libertà.
Protagonista è Cecilia eroina tragica che spicca prepotentemente per la  sua bellezza d’animo, la sua capacità d’amore abnegazione per la  famiglia, per la sua capacità di sognare oltre il reale e che accetta la prigionia di un amore dorato per sfuggire all'abbandono, alla solitudine,  ai pregiudizi che la avvolgono in una comunità becera e incapace di condivisione, troppo oppressa dalle sofferenza di una vita meschina, simbolo di tutte le donne che in ogni epoca, compresa la presente, sono abbandonate e scelgono di perdersi, rinunciando a ciò che hanno di più caro, i figli.
Cecilia sa che un uomo può trasformarsi da diavolo in angelo attraverso le mani di una donna sapiente e che sappia prendersi cura di lui, non solo in modo materiale, ma dandogli amore e donandosi a lui.
Cecilia è sola in un mondo dove l’anello debole è la donna, dove quando una donna non ha un uomo a proteggerla, può solo diventare una prostituta. La sua bellezza particolare, diversa, quasi regale e la sua furbizia arguta, nonché la sua intelligenza operosa, la rendono appetibile agli occhi del barone che lei incontra e seduce quando è poco più che una bambina.
Il destino poi, combina le carte e lei diventa la preferita del Barone che diventa il suo Nonò. Cecilia cerca di evitare questa scelta, ma la via è segnala e a lei non resta che tentare si avere una vita vivibile concedendosi a quest’amore che la conquista, ma che porta con sé il dolore più grande, quello del dover rinunciare ai figli nati da tale unione. L’intreccio assorbe per il turbinio degli eventi, per il continuo cambio di azione e di situazione, per i capovolgimenti, che non coinvolgono solo Cecilia, ma tutto il mondo che è intorno a lei sia umano che storico.
La scrittura è veloce e curata nei particolari, crea immagini vivide e forti che nella mente del lettore diventano come scene da un film.
La storia narrata ha la sua fonte in una storia vera, realmente vissuta, i personaggi sono realmente esistiti e l’impianto della cornice è storicamente circostanziato e corrispondente al vero storico. Ciò che, invece, è frutto della creatività dell’autrice, è la ricostruzione della storia d’amore, che pur essendo realmente esistita, nell'evolvere dei fatti, è frutto della fantasia narrativa dell’autrice e della narrazione orale di chi è stato realmente a contatto con i protagonisti. 




Quando ci si immerge nel romanzo “L’amore brucia come zolfo” di Lucia Maria Collerone, si capisce subito di essere finiti in un’altra epoca e in uno spaccato della storia italiana che per certi versi si vuole dimenticare.
Il romanzo ci riporta alla mente altri scritti come: Rosso Malpelo o I Malavoglia di Verga. L’autrice, con la sua scrittura lineare, riesce a coinvolgere il lettore nella vicenda sentimentale, nella povertà, nella disperazione del tempo e nell'opulenza della gente ricca che si disinteressa del povero. Le due classi sociali sono nettamente divise come di rigore nell'epoca, ma forse questa linea di demarcazione non è cambiata nemmeno ora.
L’autrice si porta in una Caltanissetta del XIX secolo tra le miniere e i quartieri poveri di quel tempo. Il disadattando sociale è palpabile e commuove il lettore. I personaggi sono ben descritti e tra loro spicca Cecilia, la protagonista, la quale ha un carattere a volte difficile da definire, quasi una donna-bambina, e queste caratteristiche emergono nella trama.
La storia ruota decisamente e fortemente attorno alla vita dei minatori in contrasto con la vita agita dei ricchi. Le scene si dividono tra le miserie della città e la villa del barone Ferdinando.
Il finale non è scontato.
Posso affermare che è un libro storico, da leggere e meditare. La storia italiana è vasta e spettacolare, ma sempre più frequentemente dimenticata. 



Cecilia ha i capelli rossi e sogna, incoraggiata dal padre, di essere una principessa sveva. La realtà nella quale è immersa parla d’altro, però. Figlia di un minatore, conosce fin dalla prima infanzia le difficoltà di un’esistenza all'insegna della precarietà in cui il nero della miniera finisce lentamente per depositarsi anche sull'anima e sul cuore.
Dopo una serie di vicende sfortunate, che vedono la dissoluzione della sua famiglia, Cecilia riesce davvero a diventare una “principessa”. Una principessa in sedicesimo, tuttavia, confinata nella villa di campagna del Barone di M. del quale è divenuta l’amante. Anche la ricchezza si rivela una prigione: avere la pancia piena e abiti eleganti implica rinunce e privazioni quanto la miseria. Cecilia vive il proprio amore nell'ombra ed è costretta, per ragioni di opportunità, a rinunciare ai figli concepiti col Barone, affidati a un convento di suore e destinati a essere adottati. Nella prigione dorata in cui si è rifugiata assieme all'uomo che ama, la ragazza perde progressivamente i contatti con il mondo reale, schiava di un amore assoluto e totalizzante che la muta in modo radicale.

Finalmente mi sono imbattuta in vero romanzo storico in cui le vicende narrate sono amalgamate alla perfezione con gli eventi dell’epoca.
“L’amore brucia come zolfo” è un bel romanzo dall'impianto solido nel quale si percepisce l’influenza di Giovanni Verga, tanto nella cornice storica scelta, quando nella tecnica narrativa e nel lessico. Un aspetto che rende il libro particolare e interessante e che, immagino, abbia implicato un duro e attento lavoro di scrittura.
Quello che mi ha lasciato perplessa è l’evoluzione del personaggio di Cecilia, da ragazza determinata e decisa ad affrontare di petto le difficoltà, a persona pronta a lasciarsi risucchiare dagli eventi e dal solito destino riservato alle donne sole e prive di mezzi: diventare una “buttana”, poco importa agli occhi del mondo se di un uomo solo o di tanti. Cecilia segue passivamente una strada già segnata e si perde. Perde la propria spontaneità, il proprio coraggio, e si disumanizza al punto tale da respingere i propri figli quando si presenta l’occasione d’incontrarli.
Quello che la lega al Barone di M. è amore ma è anche vero che si tratta di un sentimento costantemente in bilico tra affetto e calcolo, tra autenticità e interesse. Esemplari, a questo proposito, e davvero agghiaccianti, le trattative che precedono la “resa” della ragazza gestite dalla governante del Barone, a sua volta antica amante del padre di quest’ultimo. Tutto avviene in ossequio a un’ineluttabile legge non scritta, secondo la quale un uomo nobile e ricco è libero di cercare il piacere e perfino l’amore fuori del vincolo matrimoniale, disponendo delle proprie serve come semplici pezzi di carne. Da amare, forse, ma non certo da rispettare.
A conti fatti non c’è grande differenza tra i pozzi infidi delle zolfatare, che inghiottono i minatori, e quello ricco e scintillante in cui precipita Cecilia.
Viste le premesse, mi sarei aspettata una scelta più coraggiosa da parte dell’autrice nel delineare le vicende della protagonista, ma ritengo anche che un lettore non abbia alcun titolo per riscrivere la storia nel modo che preferisce. Per questo motivo non posso che attribuire la valutazione massima a “L’amore brucia come zolfo” e consigliarne la lettura a chi cerca un vero romanzo storico, documentato e appassionante.


"PAPA' MARILYN" di Clara Cerri



Buongiorno follower!
La segnalazione di oggi è per il nuovo libro di Clara Cerri: "Papà Marilyn", edito Tempesta Editore. 





Titolo: Papà Marilyn
Autore: Clara Cerri
Genere: Narrativa - Letteratura lgbt

Casa editrice: Tempesta Editore

Disponibile in formato cartaceo a € 14,45
a breve anche in ebook

Pagina autore Clara Cerri Autrice 




TRAMA:

In questa storia avvincente ci sono zombie, mostri primordiali, un fantasma, l’anticristo, i ratti del sottosuolo di Boston e un dio che resta inerte nell'angolo di una chiesa finché non decide di folgorarti e spaccarti in due. Per fortuna, o per sfortuna, sono tutti nella testa e nei disegni di Roy Cerri, un adolescente che cresce in una famiglia ferita mentre matura il sogno di un amore diverso da quello che si immaginava. Nel suo viaggio tra una forma e l’altra del desiderio, Roy scopre bisogno di essere amato e compreso per quello che è. Ogni tanto tra le pagine appare Marylin, che lo guarda sorridente da una foto e in qualche modo gli mostrerà la strada da percorrere per diventare ciò che vuole.



BIOGRAFIA:

Clara Cerri è nata e vive a Roma. Ha studiato ebraico e lingue orientali antiche e ama le parole in ogni loro manifestazione.  Ha pubblicato Dodici posti dove non volevo andare (ed. Lettere Animate, 2014),  Lettere fra l’erba (ed. ChiPiùNeArt, 2017) e diversi racconti presenti in antologie e sul web. Ha curato per la Bel-Ami Edizioni le antologie Come vi siete conosciuti e I morti non annegano, scrivendone la prefazione. Si occupa di editing come free-lance, di organizzazione di eventi letterari, di divulgazione scientifica.



DICE L’AUTRICE:

Il personaggio di Roy Cerri è comparso per la prima volta in Dodici posti dove non volevo andare, del 2014: come in quel libro anche in questo prendo spunto da avvenimenti autentici della mia famiglia, anche se in misura minore.
Il nome e l'immagine del protagonista si ispirano a Roy Walker, protagonista innamorato e sfortunato di The Fall di Tarsem Singh (2008). Benché abbia un fisico che faccia pensare a un nuotatore, in realtà l'attore che lo impersonava, Lee Pace, non sa nuotare perché ha problemi cronici alle orecchie.
Il fumetto sugli zombie e la discussione sugli androgini di Platone che aprono questo romanzo sono comparsi in forma diversa nel racconto Neanche l'amore, pubblicato sul blog Genitoricrescono nell'estate del 2014.
Nel libro si usa a tratti un linguaggio molto esplicito, che riflette gli stati d'animo e la mentalità di giovani e adolescenti posti di fronte a sentimenti forti e circostanze difficili: la storia è pensata per un pubblico adulto.






BREVI ESTRATTI: 

Bob si unì alle sue risa, con un gesto di minaccia. «Ci torneremo insieme a Roma, mi sa. Non ti ci mando da solo, ti devo controllare».
Roy si voltò verso di lui, stupito: doveva essere la prima volta che parlava di loro due come una coppia vera, con un futuro. Con la mente si vide in una vita tutta loro, dove ogni giorno si sarebbero risvegliati insieme con il sole della città che filtrava dalle persiane chiuse, come in quella piccola stanza d'albergo in cui da tre giorni passavano le ore meridiane, nudi sulle lenzuola, intrecciati, storditi di caldo e di carezze. Un secolo intero tutto per loro, a partire dal bacio che si erano dati il primo istante del duemila. Forse era vero che a Roma viene voglia di qualcosa di bello che non finisca mai. Guardò Bob negli occhi con la speranza che dicesse sul serio.




Quella notte tornò tardissimo a casa, stanco, ma prima di dormire trovò il tempo di seppellire suo padre per la seconda volta. Lo seppellì giovane e bello, vestito dei panni da studente che aveva lasciato sulla sedia nel coricarsi, come quando apparteneva alla sua stessa razza rara e potente. Forse aveva scelto la sua vita per amore o forse il dio dei suoi padri lo aveva scisso con un fulmine, ma comunque tutto il resto dei suoi anni li aveva vissuti solo la metà meno forte di quella splendida creatura che era un tempo.





giovedì 21 marzo 2019

"L'ABBRACCIO DELLE ONDE" di Laurie Bragg



Buongiorno follower 😊
Ispirato a “La sirenetta” di Hans Christian Andersen, “L’abbraccio delle onde” è un romanzo con una storia d’amore dalle forti emozioni. Laurie Bragg racconta l’incontro tra due uomini che prima si innamorano e solo dopo devono imparare a conoscersi e ad accettarsi.

Un romance M/M che affascinerà i lettori. Una storia fantastica che li rapirà fra le onde del mare.








Autore: Laurie Bragg

Disponibile in ebook al prezzo lancio di € 0,99
e in formato cartaceo a € 9,90

Pagina autore: Laurie Bragg 




TRAMA:

Per ben due volte Chris Anderson ha rischiato di annegare. Una quando era solo un bambino e la seconda da ragazzo. In entrambi i casi è sfuggito alla morte grazie al bacio di una creatura misteriosa.
Ora è un uomo adulto, ma non ha mai dimenticato quegli occhi verdi e luminosi, i lunghi capelli iridescenti e quel sorriso ammaliante. Perso nei suoi ricordi, finisce per isolarsi nel cottage sull’oceano, dove trascorre le giornate a ritrarre sirene e a cercare la strana figura fra le onde. Un giorno, in seguito a un incidente con il surf, rischia di annegare per una terza volta e la creatura delle sue fantasie torna a salvarlo. I baci e la passione dei suoi sogni diventano realtà quando, scampato il pericolo, i due si ritrovano abbracciati sulla spiaggia. Ma una sconcertante rivelazione lo aspetta. La creatura che l’ha ossessionato per anni e per la quale prova una forte attrazione non è una donna, come credeva. È uno splendido uomo.
Il destino gli ha dato un'altra occasione. Riuscirà a superare il turbamento e cogliere l’opportunità di essere felice?



BIOGRAFIA:

Laurie Bragg ha iniziato a leggere da piccolissima, perché era affascinata dalle storie meravigliose contenute nei libri di fiabe che sfogliava insieme alla mamma. Da ragazzina ha iniziato poi anche a scriverle, e l’amore per la scrittura e i libri l’ha portata a lavorare come traduttrice. Al momento collabora con due grandi case editrici e ha tradotto più di quaranta romance. Spronata da tanti che le dicevano di continuare a scrivere, ha infine vinto la timidezza e ha deciso di pubblicare una di quelle storie. L’abbraccio delle onde è il suo romanzo d'esordio.






BREVE ESTRATTO:

Sono vivo, lo so. Il bruciore ai polmoni è una sensazione che ormai conosco bene. Per qualche strana ragione anche questa volta l'ho scampata bella. Ma non sento le grida, gli strepiti di chi è accorso in mio aiuto e mi sta intorno. Socchiudo appena gli occhi e, nella luce fioca che segue il tramonto, vedo solo un volto sopra il mio. Sbatto più volte le palpebre perché quello che mi appare davanti non ha senso. Quegli occhi, quell'espressione preoccupata sono fuori luogo. Appartengono al mondo dei sogni, alle allucinazioni di un ragazzo che sta per annegare, non a un mondo reale fatto di sabbia bagnata sotto la schiena e aria fredda che ti congela. Ma sono lì. Che mi guardano in attesa. Sbatto ancora le palpebre, per scacciare gli ultimi residui di acqua salata e per mettere meglio a fuoco. Sì, sono loro. Sono proprio quegli occhi. E anche tutto ciò che gli sta intorno: la pelle chiara, il naso aggraziato, le labbra sottili che fremono di apprensione, i capelli biondo platino, che hanno perso tutti i riflessi del sole e mi gocciolano addosso. La bocca si schiude, come per dire qualcosa, ma rimane muta. Tuttavia basta l'espressione interrogativa per farmi capire che mi sta chiedendo come sto.

Non lo so. Non riesco a capire se sto bene o se sto male, se sono vivo o se sono morto e sto sognando.





mercoledì 20 marzo 2019

AUTORI IN DIRETTA - A TU PER TU CON THOMAS DRI E PAOLA DE PIZZOL - DOPPIO GIVEAWAY



Buonasera amici lettori!

Venerdì 22 marzo 2019, dalle 19:00 alle 20:00 il gruppo delle harmonyne avrà nuovamente il piacere di ospitare Thomas Dri, responsabile della Dri Editore. Questa volta, però, non sarà solo... A fargli da "spalla" ci sarà la bravissima Paola De Pizzol che ci parlerà del suo ultimo libro, un romance contemporaneo ambientato in Scozia, la cui uscita è prevista per il 25 marzo. Tra coloro che parteciperanno alla diretta, sorteggeremo due fortunati vincitori. In palio una copia digitale del romanzo di Paola, "Per ogni tuo bacio", e... udite, udite... una copia cartacea del primo libro pubblicato dalla Dri Editore. Correva l'anno... Forse è meglio non approfondire 😉😄







L'evento si concluderà alle 20:00 del 22 marzo e il giorno dopo ci sarà l'estrazione dei due fortunati vincitori tramite il sito random.org.




"CHIAMAMI MELLY" di Alessandra Fortunato



Buongiorno follower!
Nuova veste grafica e nuovi contenuti per "Chiamami Melly" di Alessandra Fortunato. Il romanzo, inizialmente pubblicato in self, oggi rinasce a nuova vita sotto la guida della Queen Edizioni.
Un grande in bocca al lupo all'autrice per questa nuova avventura 😊






Autore: Alessandra Fortunato
Genere: Commedia romantica

Casa editrice: Queen Edizioni

Disponibile in ebook a € 2,99
e in formato cartaceo a € 9,90

Pagina autoreAlessandra Fortunato





TRAMA:

Melly è una sognatrice, uno spirito ribelle e divertente che desidera una vita migliore. Lasciata la
sua amata Sicilia, si trasferisce al nord dove trova un lavoro come assistente del dottor Valenti.
Grazie al suo carattere spigliato, Melly, si circonda di amicizie e persone che amano stare in sua
compagnia. Sembra tutto perfetto finché, un ammiratore segreto non decide di stravolgere la sua
vita con poesie d’amore a lei dedicate.
Le emozioni provocate da uno sconosciuto, spingono Melly alla ricerca di ciò che manca nella sua
vita… l’amore.






BIOGRAFIA:

Alessandra Fortunato nasce a Siracusa nel 1983 dove tutt'ora vive. Cresciuta nella piccola e storica città siciliana, la sua terra rappresenta l’inizio del suo percorso come scrittrice, nato quasi per caso.
Scrivere le permette di sentirsi davvero libera e a proprio agio con se stessa.
“Chiamami Melly” è il suo primo romanzo, una storia romantica, che ha come protagonista una
sognatrice, un po' come lei, del resto.






DICE L’AUTRICE:

Chiamami Melly nasce dalla mia passione per la poesia. Un giorno mi son detta, perché non scrivere un romanzo in cui protagonista è proprio la poesia che al giorno d’oggi, purtroppo, viene poco apprezzata e valutata? Così prende vita la trama del romanzo e parte la mia avventura in cui ho riposto il massimo impegno. Il libro è molto romantico, non ho avuto grosse difficoltà durante la stesura, tranne che per un piccolo particolare… le scene di sesso! Non sono molto portata alla narrazione dettagliata di quest’ultime, la cosa mi ha causato qualche problemino, ma alla fine ce l’ho fatta. Adesso vorrei continuare a non farmi prendere dal panico tutte le volte in cui devo scrivere o descrivere una scena spinta, ma ahimè, credo proprio sia un’ardua impresa! Ho finito da poco di scrivere il mio secondo romanzo che vede come protagonista uno dei personaggi che ritroviamo già in Chiamami Melly, spero di pubblicarlo molto presto per far conoscere questa nuova storia.



BREVE ESTRATTO:

Furono le nostre labbra a parlare, a raccontarsi quell'incredibile e unico sapore di cui nessuno dei due riusciva più a fare a meno. 





martedì 19 marzo 2019

DOPPIA RECENSIONE "SETTE" di Linda Lercari




Buon pomeriggio amici lettori!
Doppia recensione per "Sette", il nuovo libro di Linda Lercari, edito Brè Edizioni. A cura di Monica Portiero e Crystal Allison Moore. 





TitoloSette
Autore: Linda Lercari
Genere: Romance erotico

Casa editrice: Brè Edizioni

Disponibile in ebook a € 1,99

Pagina autore:  Linda Lercari 





TRAMA:

Nonostante la giovane età Maggie Frost ha il coraggio di lasciare l’assolata California e qualsiasi legame con la famiglia per cominciare una nuova vita nel freddo stato del Maine dove ha trovato un lavoro stabile. E’ proprio di stabilità che la ragazza ha bisogno e le esperienze avute da bambina l’hanno resa diffidente verso il prossimo e schiva. Nessuno sa cosa abbia subito, e cosa ha rischiato di subire. Dallo sfruttamento da parte della madre a un tentativo di incesto da parte di un padre depravato. Maggie non racconta niente, tace qualsiasi informazione riservata e cerca di costruirsi una nuova vita. Come nuova arrivata le viene assegnato il compito di recarsi presso una delle aziende agricole più fiorenti del circondario e occuparsi della contabilità, cosa che gli altri colleghi non vogliono fare perché la fattoria si trova a molti chilometri di distanza e isolata. Là Maggie farà la conoscenza dei Grind, sette fratelli che vivono da soli occupandosi di tutto. Sette uomini dal carattere forte, dalle molte sfaccettature e dalla grande forza di volontà, persone alla ricerca di una compagna per la vita. Ciascuno di loro troverà in Maggie un particolare che la renderà speciale e la ragazza verrà coinvolta in una trascinante relazione erotica con ogni fratello sino a raggiungere una tale intesa sessuale da permetterle di convivere alla fattoria con i suoi sette amanti.  Una storia dalle forti tinte sessuali in cui non si risparmiano le scene più esplicite, ma narrate in modo altamente raffinato senza l'utilizzo di termini sconci. Il romanzo è a lieto fine con il matrimonio della protagonista con uno dei sette fratelli pur mantenendo con loro il legame erotico.



Devo dire di aver letto con crescente interesse il romanzo erotico di Linda Lercari, “Sette”. È scritto in terza persona, metodo che preferisco in assoluto, e l’ho trovato scorrevole, affascinante fin dalle sue prime pagine. L’attrattivo che mi ha fatto da subito apprezzare la storia, è stato lo svolgersi dell’antefatto. Qui l’abilità dell’autrice è stata palese e mi è subito balzato agli occhi lo stile tipico della buona narrativa. È un romanzo ben costruito, in cui la componente erotica non è la sola preminente.
Maggie è una ragazza dal passato complesso: ha cambiato del tutto la sua vita per sfuggirvi.
Oggi lavora nel Maine, presso la White & Co., un importante studio di commercialisti associati, e vive da sola in un triste appartamento. Di fatto, cerca di bastare a se stessa.
La nostra burrosa protagonista ha curve piene e generose, è timida e introversa, e accetta anche gli incarichi più deprimenti pur di tenersi la sua occupazione.
Proprio a causa di uno di questi incarichi, deve recarsi alla fattoria dei Grind, i ricchi proprietari terrieri con la fama di essere tanto strampalati. Uno in particolare le lascerà il segno. Si tratta di Jacob Grind, il burbero fratello maggiore, dotato di gran fisico e di un pessimo carattere.

Lo fissò. Forse non era il caso di farlo arrabbiare. Il suo metro e sessanta era poca cosa rispetto a quel corpo tonico. I jeans neri erano abbastanza comodi, ma lasciavano comunque intravedere i fasci muscolari delle cosce. Sarebbe stato impossibile salvarsi da quella specie di gigante atletico e furente. Cercò di sorridere.

I profili psicologici dei protagonisti, Maggie, Richard, Rick, Scott, Mark, Ben, Frank e, naturalmente Jacob, si evincono grazie ad un buon lavoro di costruzione e all’utilizzo di moderate frasi a effetto, cosa che ha reso la lettura soddisfacente, tanto da non riuscire a smettere di leggere.
Maggie è un passerotto ferito, e questa ferita trova risposta anche nei cuori dei ragazzi.
Per lo svolgersi degli eventi e il clima "caldo" di alcune scene, mi sono felicemente trovata un’affinità con l’anime “Diabolik lovers”, di cui sono affezionata fan, del genere Harem.

“Non lo capisci, Maggie? Piaci a tutti noi. Ciascuno dei miei fratelli vorrebbe una donna come te, ma il fato ci ha voluto donare solo te. Come posso separare il mio amore per te da quello che provo per loro? Non posso rinunciare a nessuno. Non voglio farlo."
La baciò sulla bocca, strappandole un piccolo rantolo.
“Sei bella e il nostro amore ti renderà ancora più bella. Lascia che ci prendiamo cura di te, ti prego.”

Una nota in particolare, e qui l’autrice è stata grande, la pongo sull'accadimento che vede coinvolta Maggie e Scott.
Non manca il materiale di riflessione.
Cos'è l’amore, come si amalgama con le fantasie più proibite, quante sfumature può avere? Per Maggie, di certo, sette.
Le sette sfumature dell’amore.
Il romanzo, inutile sottolinearlo, mi è piaciuto molto e ora sto cercando altri libri di Linda Lercari, che trovo bravissima.



È un racconto d’amore decisamente singolare, narrato con fine minuziosità ed eleganza anche nei tratti in cui l’erotismo diviene estremo e dominante. Maggie, una giovane donna alla quale è stata negata la spensieratezza di un’infanzia felice, ignora l’amorevole e protettivo calore degli affetti familiari. I fratelli Grind, figli di uno stesso padre, ma partoriti da sette madri differenti, vivono lavorando sodo nella fattoria di famiglia avvolta da un’atmosfera magica. Il legame tra i sette fratelli è solido e indissolubile; l’amore che li unisce e il forte senso di appartenenza fanno da scudo all'amarezza dell’abbandono: nessuna donna rimane alla fattoria Grind; non lo ha fatto nessuna delle loro madri, così come non è rimasta alcuna delle donne con le quali hanno intrapreso una relazione.
Quando Maggie entra nelle loro vite, ha inizio una fiaba tenera ed erotica incentrata sull'amore intenso tra la giovane e il maggiore dei fratelli Grind, Jacob, e che si evolve, in breve tempo, coinvolgendo ognuno di loro. Maggie ama ogni fratello accogliendo, di ognuno, le singolari peculiarità fisiche e caratteriali, amalgamandosi armoniosamente a quella speciale unione di solidale condivisione, per poi ritrovarsi, però, a sussurrare il nome di Jacob al quale appartiene nella totalità del suo essere.
Pur trattandosi di una storia che valica i confini propri della moralità, l’autrice ha abilmente costruito un contesto surreale in cui ogni particolareggiata descrizione del sentimento o dell’intreccio di corpi voluttuosi e bramosi di piacere, diviene quasi eticamente accettabile.
Personalmente ho apprezzato l’originalità del racconto decisamente oltre la banalità dell’erotismo; inoltre, l’utilizzo di un linguaggio non solo privo di ogni traccia di volgarità, ma arguto e raffinato, cattura e arricchisce il lettore sin dall'inizio della narrazione.