Translate

giovedì 19 aprile 2018



Buon pomeriggio amici lettori!
Daniela Perelli ha letto "Primavera di Racconti", un'antologia che raccoglie le opere vincitrici del concorso indetto da "The Bibliophile Girl e Panesi Edizioni".


La donna di fuoco - Alessio Del Debbio
Sindrome dello scrittore - Cinzia Bertolini
Concerto per Isabella - Manuela Chiarottino
Solo un volo - Francesca Fornasini
Il nostro tempo - Chiara Nicolazzo
Mondo di due - Gianantonio Nuvolone
Buon viaggio - Manuela Raciti
Quando meno te lo aspetti - Elena Russiello
Sii come me, e diversa da me - Annarita Tranfici
Passione rossa - Daniela Vasarri 






Autori: AA. VV.

Disponibile in ebook a costo zero

TramaAntologia delle opere vincitrici del Concorso per Racconti Brevi "Primavera di Racconti" indetto da The Bibliophile Girl e Panesi Edizioni. 





IL PARERE DI DANIELA PERELLI:

Piccoli racconti dalla narrazione intensa con personaggi che hanno molto da dire, che trasmettono forti emozioni grazie alla fantasia e originalità di ogni autore. Ho scelto di leggerla a primo impatto per il titolo, per quell’aria di primavera che si comincia a sentire nell’aria, e ne sono rimasta coinvolta e anche un po’ stupita. Soprattutto per alcuni di essi che sono stati del tutto inaspettati grazie anche a una narrazione per certi aspetti magica. Ogni racconto dimostra le qualità dell’autore, ognuno diverso per stile, e questo è un aspetto che ho appezzato molto: il poter mettere a confronto e capire ancor di più la meraviglia della scrittura e di come ognuno ha il suo modo, unico e speciale, nello trasmettere emozioni…
Grazie e al prossimo lunedì con una nuova storia.



GIORNATA... A TEMA - ISABELLA LIBERTO



Buongiorno follower!
Ben ritrovati al nostro consueto appuntamento con la "Giornata... a tema". Come ormai saprete, ogni giovedì chiediamo a un autore di raccontarci qualcosa della sua vita e della sua attività di scrittore. Oggi abbiamo il piacere di ospitare Isabella Liberto, l'autrice di “Anime Di Carta” e  “Il Roseto Nero Di Alice De Ravin
Leggete il suo tema e poi seguiteci nel gruppo delle harmonyne dove Isabella avrà tutta la giornata a disposizione per presentarci i suoi lavori e coinvolgerci nei suoi progetti 😊  








IL TEMA DI ISABELLA LIBERTO:

Ciao a tutti! 😊 Innanzitutto vorrei ringraziarvi per questo spazio, e chiedervi subito scusa, perché non è facile per me raccontare me stessa. 
Vado subito “al dunque”, dicendo che la mia passione per la scrittura nasce insieme a me. 
Sono un’appassionata lettrice. Mi è sempre piaciuto leggere e “perdermi” nei mondi creati dai grandi scrittori che hanno riempito la mia vita sin dall’infanzia. A un certo punto, però, mi sono resa conto che non era più sufficiente. Rivedevo dentro di me le immagini che i libri che leggevo mi regalavano, ma poi, d’un tratto, ho iniziato a vedere immagini che non appartenevano a quei libri. Sentivo “voci”, percepivo storie, immaginavo luoghi, che nascevano da me. Ho deciso quindi di “buttare tutto su carta”. 
Da bambina mi divertivo a scrivere raccontini. Riempivo fogli di quaderni (o di vecchie agende 😛) con storie mie. Le “voci”, i personaggi e i luoghi prendevano vita. 
Tuttavia non mi sono mai dedicata in modo serio e assennato alla scrittura. Avevo sempre tanti impegni. Prima con la scuola e, dopo, con l’università. 
Quando però mi sono ritrovata ad avere più tempo libero, dopo la laurea, ho ritenuto fosse venuto il momento di dedicarmi, nuovamente e in modo più serio, alla mia passione.

Così, due anni fa, ho iniziato a scrivere ed è nato il mio primo libro “Anime Di Carta”. Una storia che avevo dentro da molto tempo e che affronta una tematica a cui tengo molto: quella dello stalking. Per me è stata un’emozione indescrivibile veder compiuta la mia prima “opera”. Ero euforica e fiera di me stessa. Da quel momento non mi sono più fermata. Ho continuato a scrivere.
All’inizio non avevo pensato alla pubblicazione. Avevo creato una storia, ma l’avevo fatto solo perché lo volevo. Per dar sfogo alla mia passione. Poi però, ho deciso di farlo leggere alla mia famiglia. Il loro entusiasmo mi ha contagiata a tal punto, che ho fatto il passo successivo tentando la strada della pubblicazione.
Ho inviato il manoscritto a una casa editrice e, quando ho saputo che avevano intenzione di pubblicarmi, il mio cuore è esploso.
“Anime Di Carta” mi ha portato grandi soddisfazioni. Ho vinto un premio, mi ha avvicinata a tanta gente straordinaria. È stato oggetto di stupore e anche di qualche polemica (ma il libro è altamente provocatorio, quindi ci sta). La storia è forte. In tanti mi hanno detto che sono stata coraggiosa a scriverla, che non è di buon esempio, ma è un libro che merita di esser letto. Che non sia di buon esempio è vero, ma non l’ho scritto con l’intenzione di farne un “manuale di consigli”. Volevo solo provocare una reazione. Positiva o negativa… e credo di esserci riuscita. 
A dicembre del 2017 è stato pubblicato il mio secondo thriller “Il Roseto Nero Di Alice De Ravin”, una storia diversa da “Anime Di Carta”, che mischia rabbia, amore, odio, passione e vendetta. Una storia che parla di rinascita e di delusioni. 
Anche questo è un libro provocatorio, se vogliamo. Non parla “benissimo” dell’amore (argomento per me un po’ spinoso). Abbatte tutti i cliché sull’argomento. Butta giù i muri dell’ipocrisia e dei luoghi comuni che girano attorno a questo sentimento. Tuttavia, dopo diversi “bocconi amari”, regalo un po’ di “dolcezza”, per cui, chi non l’avesse ancora letto, non preoccupatevi… accontento tutti: romantici e cinici 😉
Vorrei parlare dei progetti futuri (che non sono lontani), ma preferisco che vengano scoperti un po’ per volta. 
Per adesso vi lascio, e vi ringrazio per il tempo e lo spazio dedicato. Se siete arrivati a leggere fin qui, ammiro la vostra pazienza.
Spero di aver suscitato almeno un po’ di interesse per i miei lavori e, per qualunque cosa, sono sempre disponibile.



mercoledì 18 aprile 2018

NUOVE USCITE UN CUORE PER CAPELLO



Nuove pubblicazioni firmate Un cuore per capello:
- "Tra il profumo dei libri" di Alessia Novello
- "Ostinatamente single" di Anna Zarlenga
- "Run, baby! Run! di Jessica Verzeletti







Autore: Alessia Novello

Casa editrice: Un cuore per capello

Disponibile in ebook a € 0,99
a breve anche in formato cartaceo





TRAMA:

Possono due ragazzi innamorarsi in una libreria? Amelia è una ragazza come tante, con problemi familiari iniziati troppo presto: orfana di madre e abbandonata dal padre, Amy si prende cura della sorellina dall’età di diciannove anni. Sebastian è un’agente dell’FBI trasferitosi a Boston da poco e con un piccolo ma importante segreto in valigia. Un giorno i due si incontrano casualmente all’interno della libreria di Amelia, senza sapere che da quell’unico incontro nascerà qualcosa di inaspettato e speciale… 



BIOGRAFIA:

Alessia Novello è una neo autrice italiana e ha due passioni: il disegno e la scrittura. Ha iniziato a scrivere su Wattpad, dove è riuscita ad avere un buon numero di visualizzazioni. Ha scritto molte fan fiction su delle serie TV davvero popolari, sperando di raggiungere un buon numero di persone. Ama le serie TV come: Grey’s Anatomy, Once Upon a time, Chicago Fire e molte altre. Ama la sua famiglia e gli amici. Ha letto molti libri e ha molti autori preferiti, la lista è molto lunga ma per citarne qualcuno: Nicholas Sparks, Maria Dotto, Judith Sparkle, Leonardo Patrignani. Questo è il suo primo libro e spera davvero di aver emozionato i lettori, spera davvero tanto di portare avanti la sua passione e di migliorare giorno dopo giorno. 



BREVE ESTRATTO:

Lei lo guardò con occhi innamorati ma nascosti dietro agli occhi di una ragazza che ringraziava con lo sguardo il suo salvatore. Era tutto così bello che avrebbe voluto sdraiarsi in quel morbido letto e ritrovarsi quel bel giovane accanto, al proprio risveglio.









Autore: Anna Zarlenga

Casa editrice: Un cuore per capello

Disponibile in ebook a € 0,99
a breve anche in formato cartaceo

Pagina autore: Anna Zarlenga Autrice 






TRAMA:


Maria è pienamente soddisfatta della sua vita: blogger, giornalista freelance ed editor in una piccola casa editrice, non ha tempo né voglia di pensare all'amore. Ha superato, ormai, la soglia dei trenta, ma non ha intenzione di rinunciare alla sua libertà né ai suoi equilibri. Peccato che il destino voglia remarle contro. Con una madre ultra chic che ha deciso di farla dimagrire a tutti i costi e farle sposare un noto avvocato, un'amica stramba che cerca di convincerla a lasciarsi andare e un cambio di vertice aziendale in corso, la poverina sembra non trovare pace. La catastrofe pare vicina, tanto più che il nuovo capo è il suo incubo personale: Giulio Valenti, bellissimo, plurilaureato e... prima cotta di Maria. Avevano solo tredici anni, ma lei non ha mai dimenticato l'umiliazione che ha subito per colpa sua, quando è stata schernita di fronte a tutta la scuola.  

Giulio la perseguita, anche in quello che lei credeva essere solo il suo campo. Tra tentativi di affermare la sua superiorità, schermaglie continue con l'uomo che le ha rovinato per sempre l'immagine di se stessa e nuove alleanze con persone insospettabili, la vita di Maria prende una piega vorticosa e ancora più eccentrica.
Come fare a scrollarsi di dosso la madre che preme per organizzare un matrimonio entro la fine dell'anno? Come aiutare un nuovo amico? E, soprattutto, come evitare di innamorarsi ancora perdutamente di Giulio?





BIOGRAFIA:

Anna Zarlenga è nata a Napoli nel 1979. Laureata in Lettere moderne, appassionata di cinema e di teatro comico, ha scritto insieme al marito anche commedie in lingua napoletana che sono poi state rappresentate da compagnie amatoriali. Possiede un blog, “Sognare in punta di penna”, nel quale recensisce i suoi libri preferiti e condivide racconti e pensieri. Scrivere per lei è un'esigenza quasi fisica che nasce dal desiderio di assaporare meglio i sentimenti. Come ama spesso ripetere, la cosa bella nello scrivere storie d'amore è che ogni volta ci si innamora di nuovo.



BREVE ESTRATTO:

Mi tende la mano, e anche se non vorrei mai e poi mai afferrarla devo accettare il suo aiuto, per non fare la figura della foca monaca nel tentativo di rimettermi in piedi da sola. Il contatto con la sua mano mi annoda ancora di più lo stomaco, ma cerco con tutta me stessa di ignorarlo.









Autore: Jessica Verzeletti

Casa editrice: Un cuore per capello

Disponibile in ebook a € 0,99
a breve anche in formato cartaceo

Sito autore: Sogna & Scrivi 





TRAMA:


Jane è una studentessa modello, una delle più brave dell’istituto e conosciuta per essere la velocista migliore della scuola. Lei sa cosa vuole ed è cocciuta e determinata nel raggiungere i propri obiettivi. Lei vuole essere la migliore! Finché nel suo istituto arriverà un nuovo studente che sarà subito preso in considerazione dai professori per la sua bravura nello sport e la buona condotta nella vecchia scuola: Antony. Il ragazzo sarà visto come un bastone tra le ruote per Jane, e farà scattare in lei una forte rivalità nei suoi confronti, portandola a vederlo come un nemico e un ostacolo per il raggiungimento della borsa di studio, gelosa del suo titolo di “migliore velocista e studentessa”. Antony non si farà di certo intimorire dall’aggressività della ragazza, anzi, questa sua determinazione lo porterà a incuriosirlo e a provare una certa attrazione…




BIOGRAFIA:

Biografia: Jessica Verzeletti nata il 24 Ottobre 1990, ha già pubblicato vari romanzi sia in self che con Case Editrici. Scrittrice prevalentemente Fantasy si è lanciata con il suo primo esordio “Lucifer e i cavalieri della luce” con Lettere animate Edizioni, decidendo poi di cimentarsi nella narrativa rosa come sfida personale, rivalutandone il genere, riuscendo a pubblicare con la casa editrice “Collana Floreale” il suo primo Romance “Fidati di Me”, proseguendo poi il suo percorso letterario con altre pubblicazioni tra cui con la Butterfly Edizioni. Scrive da più di dieci anni, dopo aver constatato che la scrittura fosse una valida forma di sfogo e fondamentale per il proprio benessere. Appassionata e praticante di discipline olistiche, quali Reiki e cristalloterapia, affascinata dal paganesimo, angeologia, temi spirituali... Assidua lettrice e collezionista di fate. 



BREVE ESTRATTO:

Estratto: «Perché i sogni sono più belli, se si vivono in due e si ha qualcuno con cui dividere la gioia e la felicità» le mormorò, riprendendo poi a baciarla senza darle il tempo di ribattere. Ma a dire il vero, a Jane andava bene così.



RECENSIONE "IL CHIAROSCURO DELLE COSE" di Emiliano Di Meo



Buon pomeriggio lettori folli!
"Il chiaroscuro delle cose" di Emiliano Di Meo, letto e commentato da Alessia Toscano. Una recensione molto sentita per un libro oltremodo coinvolgente 😊







Autore: Emiliano Di Meo

Disponibile in ebook a € 2,99
e in formato cartaceo a € 7,90

Pagina autore: Il mondo MM di Emiliano 





TRAMA:


Durante gli anni dell'Università Marcello incontra Alice e con lei Paolo, il suo amico gay. Vorrebbe conoscerli ma le circostanze non lo consentono, così desiste. Sarà il destino a metterlo di nuovo sulla loro strada, come in un flashback del loro primo incontro.
Marcello si innamora di Alice, i tre diventano inseparabili e insieme creano quella famiglia che Marcello non credeva neppure di desiderare. Trascorrono insieme gli anni più sereni della loro vita fino al successivo intervento del destino quando un incidente, all'apparenza banale, priva i due uomini della presenza di Alice. È allora che Marcello comprende che Paolo è tutto quello che gli rimane dell'amore. 




IL PARERE DI ALESSIA TOSCANO:

Non si inizia una recensione parlando con l’autore del libro che hai appena letto, ma io non posso fare altrimenti… 
“L’amore arriva sotto una forma diversa da quella in cui ce lo saremmo aspettati, ma arriva. E questo è tutto quello che conta”. 
Emiliano, alla citazione tratta dal tuo primo romanzo “Il Chiaroscuro Delle Cose”, io rispondo che l’amore, quello vero, si insinua prepotente tra due cuori, due anime. L’amore non ha forma… E, stando ai tuoi scritti, tu lo sai bene! 
Mi riesce difficile cacciare dalla mente dei personaggi come Marcello, Paolo e Alice, e la loro storia. Devo prendere una pausa per metabolizzarli prima di potere leggere altro. 
Un racconto di una estrema delicatezza, la rappresentazione di una passione senza età, sesso, genere, senza riserve se non la testimonianza di un amore vero. 
A volte, chi prova questo sentimento, riesce a fare un passo indietro per fare felice il frutto del suo desiderio, un aspetto del romanzo che mi ha davvero emozionato, mi si è stretto il cuore, come se qualcuno me lo stesse accarezzando. 
Ci sono anime che si riconoscono da subito, altre invece devono compiere un cammino, prima di capire di appartenersi.
A un certo punto Marcello si rende conto che Paolo è tutto ciò che gli rimane dell’amore… essenza preziosa di un sentimento che è tale in ogni idioma, razza, colore… 
A volte si perde la strada, pensando che la sofferenza ci possa rompere in milioni di piccole parti, come quando cade un oggetto di vetro infrangile che crea, nell'impatto, tanti minuscoli pezzi da non riuscire più a incollare, o magari neanche ritrovare. Ma se poi nessuno ci cerca, anzi, smettiamo di farlo anche noi? Dove va a finire l'anima a quel punto? Un viaggio irreversibile dentro il buio più profondo. Bisogna avere la voglia e il coraggio per la risalita. 
Marcello sente alto il pericolo di perdere sé stesso, non avendo più Alice, l’altra metà del suo cuore. Ma le cose non sono per forza chiare, o scure… Possono essere Chiaroscuro insieme, da creare una nuova consapevolezza, diversa, che fa paura, ma talmente intensa e pulita da riempire ancora la nostra vita e insegnarci a respirare di nuovo. 
Non è sempre tutto bianco o nero, è così bello danzare tra le sfumature, sulla linea sottile di confine che divide e unisce due anime. 
E allora Marcello riesce a vedere Paolo, per davvero, senza veli o preconcetti. Ci sono presenze talmente delicate, che rimangono sopite fin quando non ci accorgiamo che sono davvero indispensabili. 
“A volte è necessario distruggere tutto quello che ci circonda, se vogliamo costruire qualcosa di veramente nuovo”. Anche le proprie consapevolezze e sicurezze, mi permetto di aggiungere… 
È stata una lettura davvero intensa ed emotiva, molto intimista, l'ho approcciata in punta di piedi, quasi trattenendo il respiro come se avessi paura di rovinare qualcosa di prezioso.  
Questo libro fa male e poi bene, fa piangere e poi sorridere… Non so ben definirlo, ma mi ha davvero scaldato e ora la scrittura di Emiliano Di Meo è diventata come una droga, non posso più farne a meno. È riuscito a farmi sentire parte della storia, come se anche io vivessi tra le sue pagine. 
Mi è arrivato tutto ciò che l’autore voleva arrivasse, un messaggio forte, che colpisce la pancia, ti fa piegare in due, come Marcello, quando la sua vita non ha più alcun senso, quando non riusciva più a capirsi… 
Ma, grazie alla forza di una persona importante e discreta, lui riesce a guardarsi dolorosamente dentro e trova il coraggio di tornare a respirare. L’importante è spogliarsi di ogni pensiero e pregiudizio e seguire le proprie sensazioni, anche se sembrano sbagliate e fanno paura. 
Trovo che Paolo sia il personaggio più forte coraggioso del racconto, quello che sa fare un passo indietro, ma è pronto a mostrarsi e donare sé stesso al momento giusto, anche se potrebbe soffrire. 
L’autore ha uno stile scorrevole e semplice, che raffigura con nonchalance le emozioni e le scene facendomi rimanere intrappolati nelle sue trame. 
Scrittura molto elegante ed empatica, delicata, carismatica… 
I tre ragazzi sono ben caratterizzati, da renderli tridimensionali e reali, sembrava quasi di vederli, anzi di conoscerli, sono riuscita a sentire tutta la profondità dei loro sentimenti. 
Persone reali, con pregi e difetti, gioie, delusioni, con limiti da affrontare e superare per ritrovare la propria strada. 
Amore, amicizia, famiglia, diversità… argomenti delicati, affrontati con sicurezza e rispetto. 
Una storia che appartiene anche un po’ a me, perché a viverla potrei essere io. 
Le parti erotiche sono fondamentali per capire il percorso di crescita e il ruolo dei tre personaggi. Non sono volgari, ma intense e coinvolgenti, importanti per la storia, non sono fastidiose, neanche quelle un pochino più forti che sono il veicolo attraverso il quale esce la rabbia e si arriva alla consapevolezza di cui si ha bisogno. 
Ho adorato l’introspezione del protagonista, il modo di narrare un sentimento, di mostrare il loro lato erotico. 
Un romanzo breve, che comunque non lascia nulla in sospeso, molto semplice e reale, senza esposizione di machi e muscoli, ma di testa, cuore e anima. 
È emozionante quando uno scrittore si mette in gioco in questo modo, regalando al lettore un pezzetto del suo cuore, e io non posso fare altro che ammirarlo e rispettarlo. 
La mia non è una recensione, ho semplicemente voluto buttare fuori tutte le sensazioni provate leggendo questo libro. 
“Il Chiaroscuro Delle Cose” è stata una carezza alla mia anima.




"UN AMORE DI PASTICCINO" di Roberta Damiano



Buongiorno follower!
Vi segnalo "Un amore di pasticcino" di Roberta Damiano, una storia "golosa" a cui non saprete resistere 😊




Autore: Roberta Damiano
Serie: L'amore è un sogno

Genere: Romanzo rosa

Disponibile in ebook a € 1,99

e in formato cartaceo a € 17,90







TRAMA:


Dopo "Un Amore D'AltaModa" e "Un Amore di Farfalla" eccoci con il terzo volume della serie L'amore è un sogno intitolato "Un Amore di Pasticcino".“La mia vita è scondita come i piatti che mangio”.Sophie era grassa, non si piaceva e dopo essere stata rifiutata dal suo migliore amico decide di gettare la ciccia dentro un bidone della spazzatura e chiudere il suo cuore all’interno di un cassetto, sigillarlo e non farlo uscire più.Il suo dolore d’amore la porta a cambiare vita e a diventare più magra.Però dopo tanti sacrifici i suoi genitori le regalano un corso di pasticceria e Sophie non solo cercherà di non combinare pasticci in cucina, ma dovrà anche trattenersi dall’affondare di nuovo nell’ingordigia.Peccato che i suoi tentativi sembrano venire sventati a causa del pluristellato pasticciere nonché perfettino Nathan MacKenzie che per tutta la durata del corso subirà i peggiori assaggi della sua vita!Ma tra i due scoccherà l’amore?




BIOGRAFIA:


Roberta Damiano nasce a Pantelleria nel 1991. È un’appassionata lettrice in quanto ama le sensazioni e le emozioni che trasmettono le parole. Forse è grazie a questo che da qualche anno ha scoperto il piacere della scrittura dando origine nel 2014 al romanzo fantasy “La Leggenda del Lago di Kraos”. Successivamente pubblica “Un Amore D’AltaModa” e “Un Amore di Farfalla” che fanno parte della serie L’amore è un sogno.






DICE L'AUTRICE:


Un Amore di Pasticcino è nato dalla necessità di un personaggio presente all'interno del primo libro della serie L'amore è un sogno. Nel romanzo viene raccontata la vita di una ragazza che ha fatto tanti sacrifici per rendersi magra agli occhi delle persone e soprattutto ai suoi di occhi, ma che nonostante ciò non riesce ad accettarsi del tutto anche se non ci sono più strati di ciccia sul suo corpo. Tutto ciò viene condito con la passione per la pasticceria dove Sophie è costretta a partecipare a un corso il cui pasticciere assomiglia caratterialmente un po' a Cracco. Avete presente? Solo che io ho reso il pasticciere Nathan più dolce. Ho cercato di rendere la storia profonda ma allo stesso modo spensierata con condimento di divertimento e spero di esserci riuscita. Mi piacciono i dolci quindi è stato divertente scriverne e lo è stato ancora di più creare delle similitudini per alcune descrizioni.





BREVE ESTRATTO:



«Oggi cambi posto» m’informò lo chef pasticciere. Lo guardai perplessa e lui mi indicò la mia nuova collocazione, cioè dove prima lavorava Miss Vestito Attillato. Sbuffai e gettai la borsa a terra all’angolo del bancone. Odiavo i primi posti! Oggi Mr. Presuntuoso ci aveva allettato con una mousse alle pesche e ahimè non mi perdeva mai di vista. Seguiva tutti i miei passaggi e ogni più piccolo movimento. Mentre l’acqua bolliva con lo zucchero e le scorze di arancia iniziai a sbucciare le pesche togliendo il nocciolo; tre le infilai dentro il frullatore e una la tagliai a pezzetti. Poi passai a montare la panna così l’avrei avuta già pronta quando mi sarebbe servita e nel momento in cui stavo per azionare il frullatore Nathan si fermò al mio lato. «Non ti ho visto assaggiare una sola volta.»
«Che dovrei assaggiare? Acqua, zucchero e scorza di arancia?» Lui mi guardò minaccioso. 
«Se serve a trasmetterti la lezione, sì» disse torvo. «Voglio che tu provi se gli ingredienti sono giusti.»
«Ti dico che sono giusti.» 
«Come fai a saperlo?» 
«Perché li hai dettati tu gli ingredienti.»
«Potrei aver sbagliato qualcosa» 
«Il perfetto chef pasticciere pluri-stellato che sbaglia?» sorrisi in modo canzonatorio con una mano sul fianco. «Smettila di contraddirmi e assaggia» puntò arrabbiato il dito sul pentolino; i miei colleghi sembravano molto interessati alla nostra conversazione. Smisi di montare la panna, afferrai un cucchiaio, l’affondai dentro il liquido, quindi lo avvicinai alla bocca soffiandoci e sorseggiai l’acqua che sapeva troppo di zucchero e poco di arancia. Evitai di arricciare le labbra in una smorfia di disgusto altrimenti lui avrebbe capito tutto, posai il cucchiaio sul piano e alzai le sopracciglia come per dirgli:  «soddisfatto adesso?» e mantenere così la mia dignità. Lui annuì alla mia tacita domanda e se ne andò con un sorriso di trionfo. Feci una smorfia orripilata e aggiunsi più scorza d’arancia dentro il pentolino. Non gliel’avrei data vinta, mai! Arrabbiata con lui per quel comportamento da tiranno azionai il pulsante del frullatore senza chiudere il coperchio e le pesche esplosero in aria, sporcandomi. Non contenta, quando spensi l’interruttore, toccai con un gomito una scodella di vetro che andò a sbattere contro il pentolino, il quale finì a terra rovesciando il liquido sulla moquette e… saltò la luce. Mi portai le mani sul viso esasperata e delle imprecazioni si levarono in aria. 
«Tu sei un vero disastro, pasticcino» commentò lontano da me.






martedì 17 aprile 2018

RECENSIONE "CUORI FRA LE RIGHE"



Buon pomeriggio amici lettori!
Daniela Perelli ha letto  "Cuori fra le righe" di Chiara Cipolla, Barbara Anderson, Alberto Guerrini, Matilde Bonetti, Chiara Casalini, Gianni Ciardi, Lorena Corvin, Daniela Delaiti, Alessandra Di Girolamo, Mirta Drake, Pitti Duchamp, Annabelle Lee. 
Una raccolta a scopo benefico: Il ricavato delle vendite, infatti, sarà interamente devoluto all'Associazione Tom&Jerry onlus di Buccinasco (MI), che aiuta gli animali abbandonati. 





Autori: Chiara Cipolla, Barbara Anderson, Alberto Guerrini, Matilde Bonetti, Chiara Casalini, Gianni Ciardi, Lorena Corvin, Danila Delaiti, Alessandra Di Girolamo, Mirta Drake, Pitti DuChamp, Annabelle Lee

Genere: Raccolta

Disponibile in ebook a € 1,99
e in formato cartaceo a € 9,88






TRAMA:

Dodici autori di generi molto differenti - dal rosa al gotico, dal fantasy al distopico, dallo storico alla poesia - uniti per la prima volta per rendere omaggio al sentimento più nobile: l’amore. 
In ogni racconto c’è un pezzo di cuore, di animo, che chi scrive regala al lettore, in un mosaico di solidarietà a favore del centro per animali abbandonati Tom&Jerry di Buccinasco (Mi).
Un libro fatto di emozioni, tutte da leggere.
Per una nobile causa.   




IL PARERE DI DANIELA PERELLI:

Leggo sempre con molto piacere i racconti, mi lasciano quelle belle sensazioni di positività e di magia. Perché non sono altro che un piccolo mondo che in poche righe sa trasmettere tanto.
In questa raccolta ho ritrovato autrici che avevo già avuto il piacere di scoprire in passato e ho trovato nuove letture che mi hanno incuriosita, portandomi a conoscere nuovi talenti. Ogni racconto e ogni poesia vengono narrati con eleganza e intensità: mi sono sentita trasportata dalle vicende, mi sono emozionata provando una serie di sensazioni che cambiavano, di volta in volta, a seconda delle vicende. Ho sognato con i personaggi delle storie quegli amori, ogni amore diverso l’uno dall’altro, seppur raccontato con penne così delicate, eppure incredibilmente intense. Hanno bucato quelle pagine. Ogni storia era presentata come unica e speciale grazie anche alle bellissime copertine che le distinguevano l’una dall’altra ed è una cosa che mi ha colpito molto: le grafiche così accurate e perfettamente inerenti alla storia che avrebbero accompagnato. 
I racconti sono di generi diversi, incontrando quindi tutti i gusti del lettore, ognuno con la propria particolarità che lo contraddistingue. Non posso fare altro che consigliarne la lettura, sono tutti molto belli e affascinanti, scritti poi per una nobilissima causa. 



"LA SPOSA PROMESSA" di Ornella De Luca



Buongiorno follower!
In uscita oggi "La sposa promessa: Amori e intrighi alla corte dei Tudor" dell'autrice Ornella De Luca, edito Libromania 😊






Autore: Ornella De Luca

Genere: Romance storico

Casa editrice: Libromania

Disponibile in ebook a € 3,99

Pagina autore: Ornella De Luca Autrice 




TRAMA:


Edimburgo, Scozia, ottobre 1561: un giovane parroco viene convocato al carcere di Greyfriars per offrire l’estrema unzione a una detenuta, poco prima dell’esecuzione della condanna a morte fissata per la mattina seguente. La donna, ormai fuori di sé dal dolore, accetta di raccontare al confessore la sua vita e l’origine della colpa che l’ha condotta in quella sudicia cella. 

Contea di Dunvegan, febbraio 1560: Eithne ha diciassette anni, è l’unica figlia del laird del clan MacLeod e sulle sue spalle pesano grandi aspettative, anche se lei non sembra esserne del tutto consapevole. Il suo destino è di andare in sposa a un ricco highlander scelto dal padre, ma a ostacolare questa unione c’è il legame con Alastair, lo stalliere del castello, suo compagno di giochi sin dall’infanzia. Una straordinaria catena di eventi porta Eithne a prendere in fretta decisioni che segnano il destino del suo clan e di tutta la Scozia: la zia, Lady Maighread Douglas, la coinvolge in un complotto ai danni dei nobili cattolici del regno, in un periodo drammatico che minaccia di sfociare in una guerra civile. Eithne deve quindi scegliere se salvare se stessa e l’uomo che ama, oppure il destino del clan MacLeod. I due giovani innamorati, costretti dalle circostanze, organizzano una fuga per scampare alla vendetta di Erinna, la madre di Eithne. Ma cosa sono disposti a sacrificare per restare insieme? La sposa promessa è un grande romanzo di amore, avventura e intrighi al tempo di Mary Stewart ed Elisabetta I Tudor: conflitti religiosi, lotte fratricide e sete di potere si mescolano al più genuino e innocente desiderio di libertà.



BIOGRAFIA:

Ornella De Luca è nata a Messina il 26 Maggio 1991. Si è diplomata al liceo classico ed è laureata in "Teorie e tecniche della comunicazione giornalistica e dell'editoria" con il massimo dei voti. Nel 2013 ha seguito un corso di scrittura creativa ed editoria presso l'associazione "Terremoti di carta", con insegnanti come Stas' Gawronki (Giornalista Rai), l'autore Guglielmo Pispisa e Luigi Grisolia (direttore editoriale della casa editrice Pungitopo). I suoi romanzi finora pubblicati sono: La consistenza del bianco (Onirica Edizioni, 2015), Il sacrificio degli occhi (Onirica Edizioni, 2016), I colori del vetro (Rizzoli, 2017), Adesso apri gli occhi (Self publishing, 2017) e L'ultima lanterna della notte (Self publishing, 2018). Ha vinto anche diversi concorsi tra cui nel 2015 "Parolexdirlo", organizzato da Scrivo.me e Donna Moderna, con il racconto Caro giorno che vorrei, pubblicato in un'antologia scaricabile gratuitamente online. Gestisce il suo blog (ornelladelucabooks.wordpress.com) e il proprio canale You Tube, collaborando con diverse case editrici come Newton Compton, De Agostini, Frassinelli e Piemme. Scrive inoltre per il sito '900letterario e per il blog di Linda Bertasi come recensore. Lavora come editor e ghostwriter freelance sin dalla laurea.



DICE L’AUTRICE:

Il titolo originario del romanzo era "Quindici passi e mezzo" ed è stato modificato dalla casa editrice in fase di editing. Sono molto legata a questa storia, che ha visto parecchie stesure e ricorrezioni negli anni. Diciamo che è stato un lungo travaglio, ma alla fine ne è valsa la pena!






BREVE ESTRATTO:

"Il mio periodo di volontariato a Whitechapel era terminato da appena pochi giorni quando mi arrivò la comunicazione del signor Mackintosh, direttore del carcere di Greyfriars, che mi chiedeva di presentarmi alle porte del penitenziario all’alba del giorno 13 ottobre 1561. La lettera diceva solo che un condannato a morte chiedeva di confessarsi e di ricevere l’estrema unzione prima dell’esecuzione pubblica, che sarebbe avvenuta la mattina successiva al mio arrivo. Mi stupii che al mio posto non fosse stato convocato padre Crayton, dato che era il mio mentore e aveva vent’anni in più di me al servizio della Chiesa di Scozia. Io ero solo un giovane prete a quel tempo, ingenuo quanto bastava per sperare nel buon cuore degli uomini, ma non così tanto da sottovalutarne l’orgoglio e la sete di potere. Mi ero appena lasciato alle spalle un lungo servizio alla missione di Londra, tra famiglie di senza tetto, malati di consunzione, prostitute e protettori. Per questo ero a Edimburgo, per ritirarmi nella tranquillità della mia piccola parrocchia e rinfrancare lo spirito con i consigli e la saggezza di padre Crayton , fra un bicchiere di vino e una buona zuppa, prendendo per un po’ le distanze dai dubbi sulla vocazione che si erano insinuati nel mio animo. Era la prima volta che mi recavo per un’estrema unzione a Greyfriars ed ero piuttosto in ansia. Così mi svegliai prima che il gallo del nostro piccolo cortile cantasse, per calmare i nervi mi preparai un’infusione di erbe, come usava mia madre, e uscii fuori nel gelo del mattino. Camminai a piedi e sotto la pioggia fino al carcere di Greyfriars e mi fermai dall’altra parte della strada, a osservarne l’ingresso. Chiunque si fosse trovato davanti a quella facciata, a fissarne l’aspetto sinistro, avrebbe compreso il mio stato d’animo di quel giorno e avrebbe di certo perdonato la mia codardia. Dopo una manciata di minuti, in cui mi beai del silenzio dell’alba, interrotto solo a tratti dalla corsa di un carro particolarmente mattiniero e dalla richiesta di elemosina di qualche nullatenente, mi strinsi nel mantello e, con la flemma di uno sbadiglio, attraversai la strada, districandomi fra pozzanghere e sterco di cavallo.
Al secondo colpo di battente vennero ad aprirmi." 



lunedì 16 aprile 2018

"FAMA E FORTUNA" di TM Smith



Buonasera follower!
In uscita oggi "Fama e Fortuna" di TM Smith, secondo volume della serie "An All Cocks Story", edito Quixote Edizioni 😊




Autore: TM Smith

Serie: An All Cocks Story Vol.2

Genere: QLGBT contemporaneo

Casa editrice: Quixote Edizioni

Disponibile in ebook a € 3,99 

Pagina autoreAuthor Tm Smith





TRAMA:


Victor Dimir si è trasferito in America assieme ai propri genitori, quando era ancora un bambino. Sua madre e suo padre, entrambi rumeni, gli hanno insegnato il valore delle tradizioni e al tempo stesso gli hanno mostrato come diventare un accorto uomo d’affari. Ma sono state le attenzioni rivoltegli da un compagno di scuola, a far conoscere a Victor la propria sessualità. Quando ha deciso di fare coming-out con i suoi genitori, sapeva che non sarebbe stato facile, ma non si aspettava di certo che l’avrebbero addirittura disconosciuto. 
Andrew Jones è cresciuto con una madre single e con la nonna, che gli hanno insegnato a vivere, nonostante un padre assente. In effetti, l’unica cosa buona che quell’uomo ha fatto per Andy è stato di comprargli una videocamera, per il tredicesimo compleanno. Quando Andrew parte per il college con una borsa di studio, per studiare fotogiornalismo, finisce per innamorarsi del proprio compagno di stanza rumeno. 
I due diventano inseparabili, e cominciano un’attività insieme: un sito internet dedicato al porno gay, dove la gente sarebbe andata a guardare del porno romantico, invece del solito schifo che imperversava su internet a quel tempo. Dopo dieci anni insieme, Andrew e Victor sono ancora perfettamente felici, inconsapevoli però che manchi loro qualcosa, fino a quando non incontrarono un giovane uomo spezzato, in cerca di una famiglia. 
Matthew Carlson non ha un tetto sulla testa, non ha un lavoro, ed è un uomo distrutto. A sedici anni è scappato di casa, dopo essere stato brutalmente violentato da diversi ragazzi che aveva creduto amici, e dopo essersi sentito dire dai genitori che tutto quel che era successo era stato a causa sua e del suo essere gay. Matthew negli ultimi anni ha fatto un sacco di cose diverse pur di sopravvivere, così, quando trova un volantino di All Cocks, decide di scoprire dove lo porterà. Cos’ha da perdere, dopotutto? Matthew ha delle cicatrici profonde, non visibili alla maggior parte delle persone, ma quando entra in All Cocks, sia Victor che Andrew riescono a vedere il buio nei suoi occhi. Possono anche vedere lui. 
È possibile per tre uomini, che prima non sapevano quanto avessero bisogno l’uno dell’altro, superare il pregiudizio della società e trovare la loro felicità insieme?  



"ANNABEL: DA ESCORT A MOGLIE QUASI PERFETTA" di Lily Rose



Buongiorno follower, buon lunedì!
Iniziamo la settimana con la doppia recensione al nuovo libro di Lily Rose: "Annabel: Da escort a moglie quasi perfetta".
A cura di Valentina Piazza e Luc Cel. 






Autore: Lily Rose
Genere: Romanzo rosa

Casa editrice: Project - Edizioni Leucotea

Disponibile in formato cartaceo a € 14,36






TRAMA:


A causa di un'amnesia Beatrice non ricorda gli ultimi cinque anni della propria vita, e questo è un problema. Cinque anni prima aveva un bel appartamento nel cuore di Milano e viveva nel lusso, che manteneva facendo l'escort d'alto bordo. Ora non era più a Milano, i suoi vestiti non erano di marca e aveva addirittura un marito: com'era potuto succedere? E soprattutto, che fare? Beatrice si troverà così divisa tra il vestire i panni di Annabel, la bellissima femme fatale e riprendere la sua vita lì dove l'aveva lasciata o sperimentare la vita che si è costruita e provare a fare la moglie. 



BIOGRAFIA:

Lily Rose, moglie e madre di tre figli, nasce nella provincia di Treviso. Laureata in lingue e letterature straniere, è professoressa di lingua inglese. La sua passione per la scrittura, la moda e la sua determinazione le hanno permesso di concludere il suo romanzo d’esordio iniziato alcuni anni fa.  




IL PARERE DI VALENTINA PIAZZA:

La vita di Annabel (Beatrice in realtà) si divide in due. Prima dell’incidente che le ha provocato la perdita dei suoi ricordi più recenti, era una giovane, bellissima ragazza poco più che ventenne che, dopo aver abbandonato gli studi, si lancia nel mondo delle escort e della “Milano bene”, mentendo a sua madre per giustificare i guadagni elevati e il suo tenore di vita. In questo mondo ciò che conta è apparire, non essere, il vestito vale più della sostanza. La borsa di marca, le unghie perfette e la messa in piega distinguono Annabel dalle altre. La ragazza ha molti clienti, tutti facoltosi e molti sposati; questa realtà le fa del tutto perdere la fiducia nella famiglia e nel matrimonio.
Dopo l’incidente Annabel si risveglia in ospedale, senza ricordi. Scopre di avere un marito, di essere leggermente ingrassata e un’altra serie di cose che le fanno davvero perdere la pazienza. Dove è finita la ragazza sempre in forma e ben vestita di prima?
Suo marito, Giacomo, è un brav’uomo ed è anche molto bello, come la loro casa. Ma ad Annabel va tutto stretto, non si riconosce nella nuova vita e la rifiuta, malgrado l’intesa con Giacomo sia ben presente.
Quella di Annabel è una storia di rimpianti per la giovinezza passata, per le belle cose che aveva ottenuto prima dell’incidente. La ragazza vuole recuperare i suoi oggetti, i vestiti, il sex appeal… E non si accorge di avere in Giacomo un compagno leale e fidato, che la ama immensamente, è come cieca e sorda a tutto. Riuscirà a trovare pace…? 
“Annabel. Da escort a moglie quasi perfetta” è una storia di malinconica, densa di nostalgia e rammarico per il tempo passato o, almeno, è quello che vi ho letto io. Ho provato tristezza vedendo Annabel non accorgersi di tutte le qualità della sua "nuova" vita, troppo presa a compiangersi, mi è dispiaciuto il suo non riuscire a staccarsi dalla materialità e dall'apparenza, per lasciarsi invece trasportare dal sentimento e dall'amore. Le belle macchine o la lingerie non sono di consolazione, credo, in una vita senza amore... La possibilità di una "nuova vita" viene quasi lasciata scivolare via da Annabel, un filo superficiale e poco empatica, non si accorge di quanto il marito la ami, o meglio se ne accorge ma rimane ancorata alle sue "vecchie" convinzioni... Non mi rispecchia ma forse è lo specchio di una qualche realtà presente oggi giorno. 





IL PARERE DI LUC CEL:


Ho riscontrato davvero molti problemi in questo libro sebbene la storia di per sé risulti anche interessante.
Il vuoto di memoria della protagonista che la costringe a perdere gli ultimi cinque anni di vita, davvero una bella fetta, comporta un gran cambiamento e una ricerca psicologica che qui si perde rendendo la donna solo superficiale e viziata. Credo ci sia in questo un tentativo di creare una descrizione della malattia che la porta a un'ossessione compulsiva verso certe superficialità, ma che non sono proprio venute fuori nella giusta prospettiva.

Il protagonista maschile invece ha il suo perché anche se al suo posto avrei sclerato molto di più.
Alcune parti risultano ripetute e a volte è come se si fosse dimenticato di averle già scritte.

Spero che questo libro sia ripassato con una buona revisione che potrebbe migliorare molto la scorrevolezza del testo.
Peccato, mi sembra un po' un'occasione mancata.



BREVI ESTRATTI:

Ok, lo ammetto, inconsapevolmente (forse non troppo) il mio sguardo è caduto nella “zona” che si trova sotto la cintura. Forse la mia è una deformazione professionale, ma il più delle volte si riesce a intravvedere se un uomo è... beh, insomma, intendo dire “dotato”, ma in questo caso non sono riuscita a valutare bene la situazione... Temo di aver perso un po’ di smalto... 
C’è una sorta di regolamento da rispettare in questo mestiere e una delle regole è non accettare regali dai clienti. Quando un cliente oltre al compenso pattuito comincia a farti dei regali, beh, significa che sta passando la “red line” e bisogna fermarlo. I regali sono concessi solo in rare occasioni, come ad esempio un compleanno oppure Natale, ma non oltre. 


«Non temere, non ti farò nulla di male, fidati di me, vuoi?» Avevo il cuore in gola, ero agitata ed eccitata allo stesso tempo. Cosa voleva da me? Lo seguii, finché ci avvicinammo ad una cabina mare. Luca diede uno sguardo attento e di circospezione attorno, infilò la chiave nella serratura ed aprì la porta. Si avvicinò al mio orecchio e mi sussurrò: «Vieni dentro con me.» 
Ero stordita, non sapevo come reagire, l’adrenalina pervase il mio corpo e decisi di entrare. Entrammo nella cabina e lui la chiuse con il chiavistello. All’interno c’erano degli ombrelloni, degli sdrai e un paio di materassini. Non eravamo al buio perché filtravano dei raggi di sole attraverso le fessure della porta.