Translate

domenica 22 aprile 2018

"DIRSI ADDIO FINO A DOMANI" di Giuseppina Vitale



Buongiorno amici lettori, buona domenica!
Vi segnalo "Dirsi addio fino a domani", il nuovo libro di Giuseppina Vitale che racconta la storia di un amore impossibile ma travolgente 😊








Autore: Giuseppina Vitale
Genere: Romance contemporaneo

Disponibile in ebook a € 0,99

Pagina autore: Giuseppina Vitale Romance  





TRAMA:


Alessia ha ventiquattro anni e, grazie all’aiuto dello zio, viene assunta in un piccolo ristorante nel centro di Napoli. Per lei si tratta del primo lavoro, con tutte le ansie e le difficoltà del caso. Ma ciò che la ragazza non sa è che nel ristorante, a rendere ancora più complicata la situazione, troverà Alessandro, il ragazzo che quattro anni prima le ha spezzato il cuore, lasciandole una cicatrice che ancora non si è rimarginata. A cosa porterà questa vicinanza forzata?

“Dirsi addio fino a domani” è la storia di un amore impossibile ma travolgente, il racconto di due cuori che continuano a cercarsi instancabilmente e che lottano per tornare – finalmente – a battere all’unisono. 




BIOGRAFIA:


Giuseppina Vitale nasce nel 1986 a Nocera Inferiore, una piccola città in provincia di Salerno. Coltiva la passione per la scrittura fin dall'adolescenza. Ama raccontare i sentimenti, le passioni, i sogni. Scrivere per lei un sogno, qualcosa che le da gioia in ogni momento. 
Cit: Scrivere significa donare se stessi al lettore, regalare un sogno a chi forse ha smesso troppo presto di farlo.






DICE L’AUTRICE:

L'idea è nata per caso. Il ristorante è ispirato a un posto dove ho lavorato tempo fa e Alessandro si ispira al classico ragazzo che fa impazzire tutte e che almeno una volta nella vita ognuna di noi ha amato.






BREVE ESTRATTO:

La vedevo seduta mentre allegra giocava con le mani nell’acqua. I boccoli nocciola le ricadevano scomposti sul viso, le gote arrossate per l’imbarazzo e la sua esilarante parlantina a macchinetta. Era il nostro primo “appuntamento”. Adoravo quel sorriso trasognato che sfoderava mentrel mi raccontava dell’ultimo sensazionale libro che aveva scoperto. Non stava zitta un secondo, ma a un tratto si ammutolì e restammo per un momento tutti e due in silenzio a guardarci. In lontananza solo l’eco del mare, il vento sulla pelle e i nostri cuori che battevano all’impazzata. Mi avvicinai per scostarle una ciocca di capelli dal viso: era bellissima.
Abbassò lo sguardo arrossendo. «Puoi baciarmi se vuoi.»
Le alzai il mento con due dita e avvicinai il mio viso al suo. Sentivo il suo intenso profumo di fragole invadermi. Io che avevo sempre considerato le donne come carta straccia e non avevo mai dato importanza a niente, impaurito da lei, fremevo per un suo semplice bacio.
«Alessia…» mormorai sulla sua bocca mentre realizzai per la prima volta quanto il mio cuore era già irrimediabilmente devoto a lei.
Non glielo avevo mai confessato, ma fu esattamente quella notte che capii di amarla.
Il vento freddo di Dicembre mi destò dai ricordi.
Basta! Dovevo fare qualcosa, qualsiasi cosa per riaverla! 




1 commento: