Translate

mercoledì 13 giugno 2018

"BROADWAY 1920" di Andrea Summer



Buongiorno follower!
Vi segnalo "Broadway 1920", il nuovo libro di Andrea Summer 😊









Titolo: Broadway 1920
Autore: Andrea Summer

Genere: Romance storico

Disponibile in ebook a € 0,99







TRAMA:

Spesso le giovani attrici sono costrette ad accettare la corte di facoltosi mecenati per poter recitare negli spettacoli alla moda e brillare sul palco, tra gli applausi del pubblico elegante. Laura Murdoch è riuscita a diventare una stellina della scena teatrale di Broadway, accompagnandosi al magnate Will Brockton, un uomo elegante ma molto più vecchio di lei. Nonostante la vita lussuosa e i successi teatrali, Laura ha un animo sensibile che la porta a provare un profondo disagio per la situazione degradata in cui si trova.

L’equilibrio che ha raggiunto viene inaspettatamente spostato dall’incontro con John Garden, un giovane giornalista che l’accompagna durante la stagione estiva a Denver, e per il quale Laura si sorprende a provare un sentimento sincero, nettamente in contrasto con la vita artificiosa e falsa condotta sino ad allora.
Tuttavia le sirene del successo teatrale non smettono mai di cantare e senza appoggi importanti un’attrice può presto cadere in miseria, tagliata fuori dagli impresari e accantonata da un mondo scintillante ma crudele. John Garden però non è uomo da arrendersi alle difficoltà della vita e, per poter sposare Laura, si lancia nella corsa all’oro, nel selvaggio nord, rischiando il tutto per tutto. Per la prima volta nella sua vita Laura sogna di poter rialzare la testa e abbandonare i panni da cortigiana per unirsi a un uomo che ama davvero, deve solo resistere a New York per qualche mese, nell’attesa del ritorno di John. Ma riusciranno i sogni a diventare realtà quando un uomo potente come Will Crockton aspetta nell’ombra?




BIOGRAFIA:

Nata a Roma nel 1989, ho passato la mia infanzia rimbalzando tra il Sud Africa, Singapore e l'Italia. Ho iniziato a scrivere all'università, prima qualche novelletta umoristica, poi mi sono sempre più avventurata delle passioni che agitano l'animo umano. Ho pubblicato un racconto su Amazon dal titolo "Momenti Erotici Privati", come selfpublisher e ho avuto un buon riscontro. Ho deciso quindi di spingermi su un terreno più impervio, affrontando il mio primo romanzo, Broadway 1920, un romance storico ambientato nella ruggente New York di inizio secolo.
  


DICE L’AUTRICE:

L'idea per Broadway 1920 nasce dopo aver visto una collezione di fotografie scattate appunto a New York durante i ruggenti anni venti. La moda del teatro era nel pieno del suo fulgore e, leggendo qualche libro e documento dell'epoca, pareva che tutto ruotasse attorno a Broadway. Ho trovato molte analogie con quanto succede ai giorni nostri con la televisione, il cinema o la moda, dove frotte di ragazze immolano la loro gioventù sull'altare delle vanità, accettando qualsiasi compromesso. Un tema che mi ha colpito sempre molto e che ultimamente anche a Hollywood, con lo scandalo Weinstein/Asia Argento pare aver fatto breccia. Però Broadway 1920 vuole essere soprattutto un romanzo leggero e romantico, quindi non aspettatevi chissà quale approfondimento sociale. Ognuno può leggerlo al livello che preferisce, anche solo gustando l'effervescente storia d'amore tra Laura e John.






BREVE ESTRATTO:

Era il baccanale d'inizio Novecento, dove il cibo si mescolava all'alcol e dove molte donne, deluse da una carriera che non riusciva a sbocciare nel teatro, venivano a commerciare la loro bellezza e gioventù. Le sirene di Manhattan, discendenti di quelle che irretivano i marinai nell'Egeo, cantavano le loro incessanti canzoni in questi bar, sussurrando nelle orecchie dei loro ricchi compagni, spingendoli a spendere tutti i soldi che si potevano permettere in vestiti, gioielli e bella vita. Brune, bionde, alte e magre, in comune avevano solo l'età acerba, e questa era anche la loro tragedia. Donne mature non ve n'erano, la vita sociale di queste bellissime farfalle era tristemente breve.
Stupiti, i due giovani uomini osservavano la scena. Per uno di loro era uno spettacolo piuttosto inusuale: John Garden aveva visto ben poco della scintillante vita cittadina e il suo compagno lo studiava incuriosito, con gli occhi scintillanti per il vino che aveva iniziato a sorbire non appena erano usciti dal teatro.
"Questo in South Dakota non lo hai mai visto, eh John! E neanche a Phi, scommetto," rimarcò il suo compare all'ennesimo tappo che schioccava vicino a loro. 



Nessun commento:

Posta un commento