Translate

martedì 5 settembre 2017

"IL SIGILLO DI ACQUAVIVA" di Ornella Albanese



Buongiorno follower!
E' finalmente disponibile anche in ebook "Il sigillo degli Acquaviva" di Ornella Albanese 😃







Titolo: Il sigillo degli Acquaviva
Autore: Ornella Albanese

Casa editrice: Leone Editore
Disponibile in ebook a € 7,99
e in formato cartaceo a € 11,82

Pagina autore: Il Sigillo Degli Acquaviva








TRAMA:


Anno 1165, cattedrale di Otranto. Durante la cerimonia per il completamento del magnifico mosaico di Pantaleone da Casole, secondo la tradizione spetta all'operaio più giovane inserire l'ultima tessera, ma quel mosaicista è in realtà una donna: Sara dei Sassi, nascosta sotto abiti maschili per poter lavorare a quell'opera prodigiosa. Un saraceno dal passato oscuro, Yusuf Hanifa, uomo di scienza e temibile guerriero, aspetta che lei ponga l'ultima tessera e, finalmente, torni a essere donna per lui. Il destino, però, è in agguato e separa le loro strade. Yusuf viene caricato su una nave diretta a San Giovanni d'Acri, affinché torni nella sua terra, dove il padre è depositario di un incredibile segreto. Sara, invece, fa ritorno alla rocca della sua famiglia, in una valle ricca di feudi e dominata dal Gran Sasso. Qui, nel castello degli Acquaviva, ambizione e spregiudicatezza tessono trame ingannevoli e la verità è sempre difficile da rintracciare sotto le apparenze, ma l'arrivo di Yusuf Hanifa romperà tutti gli equilibri faticosamente raggiunti. Grazie al suo valore e alla sua acutezza, il moro giunto dal mare svelerà ogni cospirazione, ricomponendo un oscuro mosaico che mostrerà l'intera trama. 




DICE L'AUTRICE:

Il Sigillo degli Acquaviva è la storia del guerriero saraceno Yusuf Hanifa e della mosaicista Sara dei Sassi.
Yusuf Hanifa è un guerriero crudele ma sempre leale, con lo sguardo più affilato della sua scimitarra. Un uomo che non conosce sconfitte anche se poi si scopre che, molti anni prima, una sconfitta molto amara l'ha subita. Lui ama la propria solitudine e si strappa dal cuore ogni radice, ogni legame e qualsiasi ricordo che lo leghi al passato. Quindi non appartiene a nessuno, né a un luogo, né a un sovrano, né a una donna.
Fin quando non incontra Sara dei Sassi.






La storia si svolge nell'antica Hydruntum, dove l'oscuro mosaico è appena stato completato, poi nel deserto dei Padri in Terrasanta, un mondo di sabbia e di bivacchi, di tramonti infuocati e di notti fredde, di donne velate e di padri inflessibili. E infine nella valle dei feudatari, alle falde del Grande Sasso, dove c'è un mistero da svelare nell'antico castello degli Acquaviva.
Yusuf Hanifa insegue, attraverso questi scenari, la sua donna, la sua vendetta e il suo passato con una determinazione che è spesso ferocia.
Intorno ai due protagonisti si muovono molti personaggi di rilievo che danno vita a un affresco medievale ricco di contraddizioni e di trame segrete, un medioevo sicuramente buio, ma con forti spiragli di luce per quel che riguarda arte, medicina e cultura. 







BREVE ESTRATTO:

– Amavate quell'uomo, giovane Sara?
Sapeva che in ogni caso il monaco Ademaro avrebbe letto in lei la verità. Le parole uscirono dalle sue labbra come fiume in piena perché per troppo tempo le erano rimaste imprigionate dentro.
– Come si può amare un uomo solitario che non rivela niente di sé. Che aspetta con la pazienza di un vecchio e la passione di un giovane che il mosaico sia finito per potermi avere. Un uomo che ti brucia il cuore con la forza del suo sguardo. Che legge nella mente di una donna come se anche i pensieri più segreti fossero facili da decifrare. Un uomo che c'è anche quando è lontano. Che parla al tuo cuore anche senza parlare. Che va al di là delle apparenze. Che porta con sé mondi di conoscenza e profumi di terre ignote. Io non ho mai conosciuto un uomo come lui e lo amo con il mio corpo, con la mia anima e con la mia mente. Lo amo con la pulsione del mio sangue e il battito del mio cuore. In ogni ora del giorno e in ogni minuto della notte. Con dolcezza che stordisce e con passione che devasta.
Anche se è morto. 



Nessun commento:

Posta un commento