Translate

venerdì 9 dicembre 2016

RECENSIONE "CAVIALE A COLAZIONE" di Coco Vartan




Titolo: Caviale a colazione
Autore: Coco Vartan

Casa Editrice: Delos Digital

Disponibile in ebook a € 2,99 









TRAMA:

Chi è veramente Roland Girard? Lo scrittore sensibile e profondo che ha fatto innamorare Mireille o l'uomo sgradevole e volgare che tenta di approfittare della sua ammirazione e della sua ingenuità? E perché Mireille, nonostante lo sconvolgente episodio che ha visto coinvolti entrambi, continua a essere irresistibilmente attratta da lui?

Mireille, ingenua ragazza campagnola con la passione per la scrittura, non si sarebbe mai sognata di partecipare al concorso letterario indetto dal Circolo Culturale di una sconosciuta cittadina dell'Alsazia, se non avesse scoperto che il presidente di giuria sarebbe stato Roland Girard, lo scrittore che, col suo primo romanzo, l'aveva fatta sognare da ragazzina, e di cui si era invaghita. Quando inaspettatamente vince il concorso e può conoscerlo si sente attratta da lui anche a livello fisico, tanto da arrivare a pensare di poter trascorrere col suo idolo un'infuocata notte d'amore. Ma Roland si rivela un uomo ben diverso da come lo aveva immaginato.

Coco Vartan è lo pseudonimo di una scrittrice che da molti anni pubblica novelle e romanzi rosa. Questo racconto è la sua prima prova di argomento erotico, un esperimento che, come dice lei stessa, le è molto piaciuto. Tanto che ha già messo in cantiere un'altra storia... 


IL MIO COMMENTO:


Non sono solita acquistare erotici, ma mi attirava la trama e ho voluto seguire l'istinto. Inutile dirlo, scelta azzeccata! Tanto per cominciare, per mia somma felicità, ho scoperto che di erotico ha ben poco. Poi, che dire, la storia è di quelle che piacciono a me: lui da padellate, lei dolce ma di carattere... non sarò originale, ma adoro queste storie! Nonostante la brevità del racconto, unica pecca riscontrata, l'autrice è riuscita a sfornare un buon prodotto. Nn mi resta che fare i complimenti a Coco Vartan :)

2 commenti:

  1. Non ho capito chi scrive la recensione, ma sembra che sia positiva, certo la cover fa sognare

    RispondiElimina