Translate

venerdì 6 gennaio 2017

RECENSIONE "ALLA FINE DELL'ARCOBALENO" di Irene Pistolato



Titolo: Alla fine dell'arcobaleno
Autore: Irene Pistolato

Casa editrice: Rizzoli
Serie: Youfeel
Mood: ironico

Disponibile in ebook a € 2,99 








TRAMA:

Cayley Lewis vive e lavora a Londra, ama la confusione della città, il rumore e avere sempre tante persone attorno. La sua fedeltà al lavoro, però, le causa dei problemi nella vita sentimentale. Ma quando la soluzione alle sue beghe amorose si palesa sotto forma di un'offerta di lavoro alquanto originale, Cay tentenna: trasferirsi in un luogo desolato per fare la guardiana del faro, lei che adora stare in mezzo al caos e alla gente? Eppure a volte stravolgere tutto è la soluzione per rimettere tutto a posto. Nel lavoro, e nell'amore…
Una spassosa commedia romantica che farà farà sognare, sorridere e venire voglia di lasciare tutto per ricominciare da zero. Magari su un'isola deserta.

 

IL PARERE DI FLAVIA FANELIA:


Se dovessi riassumere questo romanzo in una frase forse userei carpe diem, oppure non fidarsi delle apparenze. Perché? Cayley lascia che la propria vita scorra fra lavoro, lavoro e lavoro, riuscendo a dimenticarsi di vivere. Proprio per riprendere possesso della propria esistenza, dopo una delusione amorosa, finisce per sfidare se stessa e, dopo aver vinto un bizzarro concorso, accetta di rintanarsi su di un'isola, per la precisione accetta di vivere in un faro, in completo isolamento. O almeno è ciò che crede, perché un arrivo imprevisto la spinge a fuggire da quell'eremo di pace, che cominciava a starle stretto, e da quel momento la vita di Cayley imbocca una svolta che sarà responsabile delle sue future vicissitudini.
Il romanzo è divertente, si legge con una certa velocità e non ci si annoia mai. È la classica storia da leggere se si ha bisogno di un sorriso e di distrarsi un po'. Scrittura scorrevole, semplice, ma non per questo lo stile risulta piatto o banale.
L'incontro con Tod potrà suscitare iniziali malumori, io l'ho detestato abbastanza, ma poi ho avuto modo di cambiare idea.
Quindi, tirando le somme, caldamente consigliato.

 

1 commento: