Translate

domenica 18 giugno 2017

RECENSIONE "SOTTO LA PELLE" di Emma Black


Buongiorno follower, buona domenica!
Iniziamo la giornata con una bella recensione al libro di Emma Black, a cura di Luc Cel 😃








Titolo: Sotto la pelle
Autore: Emma Black

Disponibile in ebook a € 1,99

Pagina autore: Emma Black 






TRAMA:


Molti umani bramano l’immortalità. Farebbero di tutto per ottenerla, persino farsi ammazzare.
A Gina è andata anche peggio. Salvata in extremis dalla Legio X, si risveglia finalmente vampira. E si odia. Non accetta la sua nuova natura e, quando si guarda allo specchio, vede solo i volti dei mostri dagli occhi rossi, che per mesi hanno abusato di lei in ogni modo.
Quando però Tiberius, suo creatore, nonché il vampiro da cui è attratta, subisce una trasformazione che lo rende un essere orribile, lei non esita a correre in suo soccorso. E nell’aiutarlo ad accettare il suo lato più oscuro, capisce di dover affrontare il proprio passato, prima di esserne schiacciata. Con il sostegno della sua nuova famiglia, cercherà di stanare i suoi aguzzini, di fare giustizia per sé e per tutte le altre vittime innocenti, senza sapere che c’è un nemico tra i Legionari e che, mentre lotta per ritrovare la serenità, i veri mostri complottano per colpirla dritto al cuore. Gina imparerà a tirare fuori i canini e, forte dell’amore del suo Berry, supererà perdite tremende, tradimenti improvvisi e agghiaccianti scoperte.
Nessuno, tuttavia, uscirà indenne dalla sua ricerca della verità e, alla fine, la Legio X non sarà più la stessa.
Il libro contiene scene esplicite di sesso (anche M/M) e violenza. Se ne sconsiglia la lettura a minori e persone particolarmente sensibili. 




IL PARERE DI LUC CEL:


Io sto proprio bene in compagnia di questa Legio X, una famiglia allargata che controlla la sua specie e gli estremi di nefandezze che compiono verso gli umani.

In questo libro troviamo le vicende avvincenti di altri due personaggi, Gina e Tiberius.
Gina è una donna incredibile, dopo aver subito sevizie di ogni tipo da parte dei vampiri cattivi si ritrova vampira anche lei. Combatte la sua natura, ma la forza di questa donna sta proprio nell’accettare la sua condizione e nel mettersi in gioco, trovando il coraggio di perseguire chi le ha fatto del male. Dà prova di una notevole determinazione, un grande sforzo di psicoanalisi di se stessa. Siamo con lei tutto il tempo a fare il tifo.


L’allenamento quotidiano si era rivelato più duro del previsto, ma Gina, nonostante la stanchezza, non aveva osato lamentarsi. Corvus, che normalmente ci andava giù pesante con le flessioni e il corpo a corpo, quel pomeriggio era stato più impietoso del solito. E anche più distratto.
Tiberius d’altro canto è un vampiro buono, fin troppo controllato, fino a che non arriva Magnus a rompere il suo equilibrio e se vogliamo a renderlo più umano.
Anche qui questa personalità sdoppiata dovrà trovare il suo perché. 


Magnus aveva preso il sopravvento, trasformando il suo corpo in un’arma di distruzione di massa. Non aveva idea di quanta gente avesse ucciso, senza neanche curarsi di quale specie fossero.
Aveva corso, abbattuto muri, saltato sopra i cadaveri e, ad ogni passo verso di lei, aveva provato a implorarla di restare con lui, di non andarsene, di non cedere al buio imperituro della morte. Non senza di lui.


Emma Black sa tracciare con maestria i personaggi, i loro caratteri, la loro psicologia, rendendoli veri e umani in tutte le loro sfaccettature, rendendo anche la trama intrigante da seguire a causa di tutte le vicende che continuano a dipanarsi senza interruzioni.
I personaggi secondari non sono meno importanti, ritroviamo infatti Alice e Tom, che continuano a incuriosirci con le loro stravaganze.
Corvus… non ne posso parlare, per non fare spoiler, mi stuzzica molto… Anche se in questo libro sono emersi molti particolari, non mi basta, ho bisogno di sapere di più su di lui!
Il tutto, ancora una volta, è condito dallo stile di Emma Black semplice e curato che fa volare la lettura delle pagine.
Non vedo l’ora di avere il terzo tra le mani! 



Nessun commento:

Posta un commento