Translate

venerdì 19 maggio 2017

RECENSIONE "UN ATTIMO ANCORA" di Davide Ioime


Buon pomeriggio follower!
Di seguito, il parere di Luc Cel sul libro di Davide Ioime, "Un attimo ancora" 😊







Titolo: Un attimo ancora
Autora: Davide Ioime

Disponibile in ebook a € 3,50
e in formato cartaceo a € 12,00

Pagina autore: Davide Ioime Autore





TRAMA:


“Un attimo ancora” è un libro intenso, scritto con l'inchiostro sincero della spontaneità, dalla forma curata e fantasiosa. Poche pagine in cui ci si nutre di emozioni e si annusa il profumo carezzevole dell'immaginazione.
La storia d'amore tra Daniel ed Alessia, nata per caso in una chatroom e vissuta nell’atmosfera della Milano da bere e i colori della Costa Azzurra, sfumava, come in un dipinto, nelle ultime pagine di “Somewhere I belong”.  
“Un attimo ancora” è il prosieguo del racconto. 
Dopo l’interruzione della relazione con Alessia, Il desiderio di Daniel di diventare scrittore si realizza e così si ritrova in volo per Palermo, inseguendo un sogno attraverso la penisola, dove l’attende una presentazione in pompa magna del suo romanzo.
In un viaggio dove realtà e immaginazione scorrono su binari paralleli, inseguendosi e giocando tra loro, Daniel incontra diversi personaggi: Andrea, giovane e bellissima scrittrice da cui resta colpito, Agnese, donna straordinariamente intraprendente che di Andrea è stata la guida materiale e spirituale e Serena, dinamica imprenditrice giramondo ancora alla ricerca di se stessa.
Ma c’è un altro Daniel protagonista del racconto, quello che vive e soffre fino a intraprendere la strada del successo, guidato dall’eterea presenza di Alessia.
Il tempo dell'incontro tra i due personaggi si dipana, come spesso accade, seguendo un movimento circolare. Bisogna arrivare alla fine perché le loro storie si incrocino e si uniscano, camminando lungo un sentiero di speranza. Bisogna arrivare alla fine per comprendere l’inizio.
Ciò che colpisce di “Un attimo ancora” è il tono leggero ma ricercato della narrazione, ci si affeziona ai protagonisti, ai loro gesti, ai loro dialoghi.
Il punto di forza del libro è la familiarità delle situazioni, il mescolarsi delle loro vite al nostro vissuto. I vari personaggi ci suscitano ricordi, immagini, sentimenti, nei quali è facile immedesimarsi. 
È un libro che si può sorseggiare in un bar, mentre si è in viaggio, o comodamente rilassati in poltrona coccolati dal calore di un camino. 
È una storia che cattura sin dalle prime pagine che non si fa smettere di leggere, fino ad arrivare all’ultima pagina, dove i controversi stati d’animo dei protagonisti arriveranno alla resa dei conti finale.
Ma come diceva Chaplin “Bisogna non aver mai paura di una scontro. Anche quando i pianeti collidono, dal caos nasce una stella”. 



IL PARERE DI LUC CEL:


Devo dire che questo seguito mi ha catturato sin dalle prime righe.

Un percorso di perdita e sofferenza vissuto in una quotidianità assolutamente realistica.
Adoro lo stile di questo libro, fluido, semplice e ricercato al tempo stesso. Alcuni passaggi mi hanno colpito piacevolmente per come evocano anche emozioni e sensazioni.
Una grande forza hanno i dialoghi che descrivono una parte della storia e che a un certo punto ci fanno sentire il sapore del dialetto di una terra tanto calda e accogliente come la Sicilia.
I personaggi sono così realistici da potercisi immedesimare e ti coinvolgono al punto di volerne sapere di più. La loro psicologia è curata, sviscerata delle insicurezze, della razionalità di un pensare consapevole.
Avrei voluto, ancora una volta, più linearità nella trama, che ci fa fare continui passi indietro interrompendo il percorso nella sua cronologia.
Il finale non è di facile comprensione essendo inserito in una forma un po’ allegorica e onirica.
In sostanza, un libro dai sapori e colori delicati che consiglio vivamente. 


Nessun commento:

Posta un commento