Translate

giovedì 1 dicembre 2016

RECENSIONE "IL POSTO DEL MIO CUORE" di Emily Pigozzi




Titolo: Il posto del mio cuore
Autore: Emily Pigozzi 

Disponibile in ebook a € 2,99 e in formato cartaceo a € 14,50










TRAMA:


Bassa emiliana, anni ’50. Alma Libera Tondelli è una ragazza di paese. Sognatrice e inquieta, Alma sembra avere un destino già scritto: la vita di campagna, il lavoro in fabbrica, la messa della domenica. Fulvio, limpido e sincero, la ama da sempre, ma arrendersi al suo amore significherebbe rinunciare ai sogni di libertà che da sempre tormentano il suo spirito. Dalle campagne emiliane del dopoguerra alla Bologna del sessantotto, passando per la Roma del cinema e della Dolce vita, pur plasmata dagli uomini della sua vita Alma cercherà sé stessa e la sua vera strada, mentre al paese qualcuno continuerà ad amarla in silenzio… Perché, come le predisse la Delfina, l’indovina che ha popolato le sue fantasie di adolescente, in lei “ci sono le luci e le ombre, e la salvezza del cuore, spesso, è nel luogo in cui si parte”.  


IL PARERE DI LUC CEL:


Sono Entusiasta. Di libri ne ho letti tanti, davvero, ma qui c'è quel quid in più.
Uno stile incredibile! Pennellate che dipingono un'epoca lontana per noi ma che ha forgiato le vite delle nostre nonne alla ricerca di un po' di individualità, di libertà.
Ho apprezzato molto questo vagare in un periodo storico che descrive anche come si è intrappolati in un paesino di provincia, come la cultura dei nostri avi sia stata forgiata attraverso le vite di chi ha avuto il coraggio di cambiare. Ti fa ricordare come quello che è cambiato non sia gratis, ma è stato conquistato a spese di altri. E' questa ricerca che guida la vita dell'autrice. Amori travolgenti e sofferti. Insomma dentro questo libro c'è tanto, davvero tanto e giuro che invidio il suo stile narrativo così fresco, evocativo, brillante. Brava Emily e grazie.

 


1 commento:

  1. Grazie mille per avermi letta. È un romanzo che per me significa davvero moltissimo! Una parte importante del mio cuore, giusto per citare il titolo...

    RispondiElimina