Translate

mercoledì 26 dicembre 2018

RECENSIONE "LA SPOSA DI SUA MAESTA'! di Annie West



Buon pomeriggio amici lettori!
Dopo le "fatiche" di ieri, spero che oggi possiate godervi il meritato riposo, magari rilassandovi in compagnia di un buon libro 😉 Qualora non siate orientati verso una lettura in particolare, Franca Poli vi suggerisce il romanzo di Annie West. "La sposa di Sua Maestà", primo volume della serie "Seduzione Reale", edito Harmony.



Autore: Annie West
Serie: Seduzione Reale Vol.1

Casa editrice: Harmony
Collana: Collezione Novembre 2018

Disponibile in ebook a € 2,99
e in formato cartaceo a € 3,50

Pagina autore:  Annie West Author





TRAMA:

Abituate a sottostare a una rigida etichetta, due principesse sono ora pronte a stravolgere le regole. 
Il matrimonio combinato tra la Principessa Amelie e il Re Alexander di Bengaria rischia di andare a monte. Proprio quando avrebbero dovuto incontrarsi per la prima volta, infatti, Amelie scompare misteriosamente. 
Qualcuno deve prendere il posto della principessa fino al suo ritorno, e chi può farlo meglio di Cat Dubois, la sua sorellastra? Figlia illegittima di un re, Cat ha vissuto un'infanzia tutt'altro che lussuosa. Dopo anni di vessazioni, non vorrebbe tornare nel paese della sua infanzia, ma il dovere la chiama e il suo corpo risponde a qualsiasi stimolo provenga dal carismatico Alexander. Lui potrà anche non conoscere la sua vera identità, ma l'attrazione tra loro è reale e minaccia di travolgere il regno. 






Questo è il primo volume della mini serie “Seduzione Reale” scritta da Annie West.
Sono una grande fan di questa autrice, di conseguenza non ho potuto fare a meno di acquistare il suo libro. Mi piace il modo che ha di scrivere, come delinea il carattere dei personaggi, evidenziando i pregi e i difetti di ciascuno di loro; per non parlare di come descrive i luoghi dove sono ambientati i romanzi.
La trama è un po’ vista e rivista: un giovane e avvenente re che si innamora di una misteriosa e bella donna comune. Tuttavia, ho sempre pensato che sta alla capacità dell’autore fare la differenza e rendere originale qualsiasi storia, a seconda di ciò che aggiunge alla trama e ai personaggi a cui sceglie di dare vita. E Annie West, a mio parere, c'è riuscita. Ho amato la protagonista, Cat Dubois. La ragazza di professione è una guardia del corpo ed esperta di arti marziali. È una donna forte, indipendente e intelligente, e non fa niente senza combattere se pensa che sia ingiusto. Il suo tragico passato le ha lasciato delle cicatrici, ma lei è riuscita a rialzarsi e a reinventarsi. Per questo motivo conosce i suoi punti di forza e di debolezza... e il suo punto debole è la sua sorellastra, la Principessa Amelie di St Galla. Le due ragazze, nonostante abbiano in comune il padre, non si sono mai conosciute. Quando, per motivi economici e politici, le viene chiesto di sostituire la Principessa, fingendosi lei per alcuni giorni, Cat accetta. Anche se sa che tornare sull'isola significa riaprire delle ferite, alcune delle quali non si sono ancora rimarginate.
Per quanto riguarda il protagonista maschile, Re Alexander, beh cosa dire se non che è sexy, affascinante e apparentemente irraggiungibile per la sua posizione sociale? Alex è il sovrano di Bengaria, uno stato amico di St Galla, e si trova sull'isola per incontrare la Principessa Amelie, ignaro di essere in procinto di conoscere invece la sorella. Il loro primo incontro avviene in modo inusuale per il rango che ricoprono e l'attrazione tra i due è immediata e travolgente. 
Come reagirà il giovane monarca quando scoprirà l'inganno? Sarà ancora attratto dalla ragazza che lui crede essere la principessa Amelia? 
Questa è una lettura abbastanza veloce, poiché la trama è ben strutturata, i dialoghi sono frizzanti e il carattere dei personaggi risulta dettagliato. L'intrigo politico è solo accennato e passa in secondo piano. Per me va bene, in fin dei conti è un romanzo rosa!
Complimenti ad Annie West per essersi ancora una volta dimostrata all'altezza delle mie aspettative, ma un plauso va anche a Maria Paola Rauzi per l’ottimo lavoro di traduzione.



Nessun commento:

Posta un commento