Translate

mercoledì 22 febbraio 2017

DOPPIA RECENSIONE DI "IL DESIDERIO LIEVE" di Bianca Rita Cataldi


Doppia recensione per il libro di Bianca Rita Cataldi, edito Pink Magazine Italia 😊






Titolo: Il desiderio lieve
Autore: Bianca Rita Cataldi

Casa editrice: Pink Magazine Italia

Disponibile in ebook a € 0,99

Pagina autrice: Bianca Rita Cataldi 







TRAMA:  

Laura ama leggere e perdersi nelle storie. Scrive racconti nei quali lascia scivolare persone reali che incontra nella sua vita quotidiana e delle quali non sa nulla. Questo equilibrio perfetto inizia però a incrinarsi quando il suo mondo di fantasia si mescola con quello reale. Infatti, pur essendo innamorata del suo ragazzo, scopre di essere incredibilmente attratta da un suo collega di facoltà, che le ha ispirato il personaggio più intrigante dei suoi racconti. Tra realtà e finzione letteraria, Laura sarà costretta a interrogarsi sulla natura del proprio desiderio e sulla linea sottile che divide il personaggio dalla persona che l'ha ispirato.



IL PARERE DI FLAVIA FANELIA:

Partirei dalle note positive. L’autrice in questo testo breve dimostra padronanza di linguaggio, ampiezza di lessico, e una buona conoscenza sintattica.
La trama si concentra su Laura, la protagonista, e la sua paura di vivere a fondo i desideri perché nel momento stesso in cui essi prendono vita, svaniscono e c’è il confronto con la dura realtà.
Il testo è molto breve, si legge in fretta, intriso di molte, forse troppe, citazioni, riferimenti di vario genere. Viene spesso citato Mann che suppongo essere fra gli autori preferiti di Bianca.
Un giudizio generale sul testo? A essere sincera a me non è chiaro lo scopo della trama. L’ho seguita, ho cercato di addentrarmi fra le parole e di scavare per trovare un significato, ma mi sfugge il senso ultimo, il messaggio che l’autrice voleva passare.



IL PARERE DI FRANCA POLI:

Ho letto questo romanzo breve e non so se mi sia piaciuto oppure no. Mi spiego… il racconto è scritto bene, scorrevole con dei bei dialoghi, ma è la storia in sé che non mi ha convinto, non mi ha incollato alla lettura, non mi ha fatto venire la voglia di scorrere le pagine per sapere come si evolveva la situazione. Forse è perché i protagonisti sono dei giovani universitari oppure è proprio il tipo di racconto che non mi ha preso, non saprei.  
La protagonista, Laura, studentessa universitaria con la passione della scrittura, a un certo punto, proprio a causa di questa passione, sovrappone la realtà alla fantasia. In questo modo mette a rischio non solo le sue certezze, ma anche l'amore che prova per il fidanzato Marco. Durante i suoi viaggi in treno per andare a trascorrere il fine settimana da Marco incontra una signora, Emma, e scopre che anche lei ama scrivere e fantasticare. Sarà proprio Emma a far capire a Laura la differenza tra fantasia e realtà.
  

Nessun commento:

Posta un commento