mercoledì 8 novembre 2017

RECENSIONE "COME SE IL SOLE SPLENDESSE SOLO DU DI TE" di Claudia Simonelli



Franca Poli ha letto "Come se il sole splendesse solo su di te" di Claudia Siomonelli.
Ringraziamo il Gruppo Editoriale Pink per averci dato l'opportunità di conoscere e apprezzare questa autrice a cui va il nostro più sincero in bocca al lupo 😊







Titolo: Come se il sole splendesse solo su di te
Autore: Claudia Simonelli

Casa editrice: Pink Magazine Italia

Disponibile in ebook a € 0,99

Pagina autore: Claudia Simonelli Autrice







TRAMA:


Chiara è una ragazza di ventidue anni, che vive a Napoli e frequenta l’accademia di moda a Roma. I suoi genitori non le permettono di trasferirsi come tutti gli altri studenti, ed è quindi costretta a fare la pendolare. Qualche giorno dopo aver cominciato i suoi studi conosce un uomo sul treno, anche lui pendolare. Si chiama Mattia ed è più grande di lei di quindici anni. Il primo sguardo è fatale, e Chiara si ritrova a fare i conti i suoi sentimenti e con la fede che Mattia indossa all’anulare sinistro. Ma l’amore può finire per colpa del destino, oppure per cause di forza maggiore? Chiara, dopo quarant’anni, pensa ancora all’uomo che ha reso felici le sue giornate. Soltanto una persona è riuscita a salvarla: Marco, il figlio e il frutto del suo grande amore. Nonostante ciò, ci sono ancora delle questioni rimaste in sospeso e soltanto un’anziana di nome Adele può aiutarla a risolverle. In una stanza d’ospedale, Chiara si ritroverà a tirare le somme della propria vita, e anche di quella degli altri. 





IL PARERE DI FRANCA POLI:


Bellissimo e commovente!
Ho letto questo libro attirata dalla trama, non me ne sono pentita. Innanzitutto è scritto in modo fluido e non ho trovato errori. Poi la storia è avvincente, mai noiosa o lenta.
È narrato in prima persona con il pov di lei. Ho trovato questa scelta azzeccata perchè è la protagonista che in pratica racconta la sua vita, dalla giovinezza alla vecchiaia. Per la maggior parte l'autrice ha descritto gli avvenimenti al presente, quando Chiara è ormai un'anziana signora ultrasessantenne, ma si alterna con quelli degli anni passati, per la precisione quarant'anni prima, quando era una giovane studentessa pendolare. Ho trovato decisamente interessante questo modo di raccontare, si riesce così a capire meglio cosa è successo tra lei e Mattia.
Un altro motivo per cui ho apprezzato il libro è che ogni capitolo inizia con il brano di una canzone di autori famosi, italiani e stranieri.
Il carattere dei due protagonisti, come anche quelli degli altri personaggi, è delineato in modo accurato. Si riesce a percepire l'atmosfera romantica che viene a crearsi fin dal loro primo incontro sul treno dei pendolari che li porta da Napoli a Roma, dove la ragazza studia e lui lavora. Però si percepiscono anche i dubbi di lei a intraprendere una relazione che già dall'inizio è destinata a non avere un futuro. Sì, perchè Mattia non solo ha quindici anni più di Chiara, ma all'anulare sinistro porta una fede nunziale.
Un personaggio che ho stimato molto è Silvana, la migliore amica della giovane donna. Sarà lei a rimanerle vicino durante tutta la tormentata storia d'amore e anche dopo, quando un avvenimento imprevisto metterà la parola fine alla relazione tra i due amanti.
Quarant'anni dopo un incontro in ospedale con un'anziana signora di nome Adele, costringerà Chiara a tirare le somme della sua vita e a risolvere le tante questioni rimaste in sospeso con Mattia. Sarà anche il momento di svelargli il segreto che ha tenuto nascosto per tutti quegli anni.
Bellissimo il finale e il relativo epilogo. Mi sono veramente commossa e non nego che ho versato qualche lacrima.
Super consigliato da parte mia.
Non mi resta che complimentarmi con l'autrice per essere riuscita a scrivere un romanzo che trasmette delle forti emozioni. 



Nessun commento:

Posta un commento