martedì 13 febbraio 2018

"LE NOTTI DI KORE" di Aina Sensi



Buongiorno follower!
"Le notti di Kore" di Aina Sensi, edito Delos Digital, vi aspetta in tutti gli store 😊








Autore: Aina Sensi
Genere: Racconto erotico

Casa editrice: Delos Digital

Disponibile in ebook a € 1,99

Pagina autore:  Aina Sensi Autrice





TRAMA:


Romance - racconto lungo (30 pagine) - Di giorno Amon è un servo, ma nel buio della notte, a due passi dal Falò del rito di Kore, può liberare il suo istinto maschile e mostrare alle amazzoni di che pasta è fatto l’uomo nero. Riuscirà a tenere testa anche a una donna Alfa?

Durante il rito primaverile di accoppiamento tra gargarensi e amazzoni, Amon scopre un’inusuale complicità con una donna dagli occhi dolci. Il ragazzo rinuncia al suo desiderio di cogliere tutte le stelle del firmamento per esplorare, notte dopo notte, la strana chimica che riescono a sprigionare insieme e la pienezza del suo ruolo dominante.
Fino a quando, tentando di aiutare il fratello Nihiri a sistemare i suoi problemi di cuore, attira l’attenzione predatrice di Tuya, che cambia tutti gli equilibri.
Questo racconto può essere letto separatamente rispetto a L’ultima Primavera di Kore già uscito nella collana Senza Sfumature, ma potrebbe svelare un piccolo spoiler sulla storia tra Nihiri e Brunilde.





BIOGRAFIA:

Aina Sensi Ã¨ lo pseudonimo con cui una donna e mamma scrive senza inibizioni. I suoi racconti spaziano su un arcobaleno di sensazioni – dal rosa, al porpora, al nero – con l’intento di esplorare e condividere quelle sensazioni che inesorabilmente la rappresentano. Perché, anche se ambientate in un genere fantasy, fantascientifico o mitologico, non si può scrivere di qualcosa che non si è mai provato. Aina non è altro che la sintesi di quelle briciole di amore, dolore, frustrazione, desiderio, disseminati in ogni storia.
Dell’autrice potete leggere L'Ultima Primavera di Kore, racconto lungo pubblicato nella collana Senza Sfumature di Delos Digital, e L’Arco di Eros, racconto contenuto nell’Antologia Tutte le Sfumature di Senza Sfumature, della stessa Casa Editrice.
Ha pubblicato anche i racconti M/M Vetro soffiato e Pioggia di Natale nelle antologie “Short But Sweet”. 





DICE L'AUTRICE:

Il racconto è nato dalla caratterizzazione di Amon.
Amon era già comparso ne “L’ultima primavera di Kore” come il fratellone esperto che dava consigli a Nihiri per la sua prima volta. Ha un carattere solare, deciso, ama il sesso e ama “cogliere tutte le stelle del firmamento”. Non ha problemi sentimentali e non ne vuole.
È stata una sfida, per me, perché Nihiri (il suo opposto, il tipico maschio Beta dolce, fedele e “azzurro”) era piaciuto moltissimo alle blogger e alle lettrici.
Quindi, ho cercato di rendere al meglio il protagonista e dare molto spessore alle sue caratteristiche “Alfa”, al suo istinto dominante (che per condizioni sociali può sfogare solo nel sesso), per contrapporlo poi a un’amazzone ad alto tasso di testosterone. È stato solo per caso che tra loro due finisse una terza figura, ma è stato divertente creare un gioco di equilibri di dominazione-sottomissione che di volta in volta venivano ricomposti e scambiati, man mano che la storia esplorava non solo l’aspetto sessuale ma anche quello culturale e sociale.
È curioso pensare che, nonostante stiamo parlando di tempi antichi, il fatto di aver invertito i ruoli dominanti nella società renda comunque accettabile un comportamento libertino e promiscuo come quello di Amon. A ruoli invertiti, oggi, una donna verrebbe etichettata facilmente in modo poco positivo. E questo è un aspetto che mi ha permesso di esprimere al meglio anche l’acrobaticità delle posizioni erotiche degli amanti: mi sono sentita davvero libera di esprimermi. 





BREVE ESTRATTO:

Tuya.

Era questo nome che gli agitava il petto di un’inquietudine che non avrebbe voluto provare. Era questo nome che lo faceva guizzare di aspettativa nell’ansia di replicare il loro incontro diurno. Ed era quello sguardo predatore che bramava domare, nel buio della foresta. Occhi castani, fieri e guerrieri, che aveva visto incendiarsi prima d’ostilità e poi di passione.
Non era certo che sarebbe venuta per lui. Non era certo di volerla incontrare al posto della ragazza con gli occhi dolci. Ma sarebbe stato pronto, oh sì. Le avrebbe mostrato di cosa poteva essere capace l’uomo nero.

Dall’alto, Tuya lo ingabbiò nel vigore della sua coscia. Ghermendo i ricci neri sulla nuca con una mano e la mascella con l’altra, lo costrinse a reclinare la testa, col viso offerto alle sue labbra, che gli alitarono sulle ciglia: — Non mi vincerai.






Nessun commento:

Posta un commento