Translate

domenica 28 maggio 2017

"ANDANTE CON MOTO" di Vera Demes


Buon pomeriggio follower, buona domenica!
Vera Demes ci presenta "Andante con moto", un libro che si ispira al mito di Orfeo ed Euridice 😊







Titolo: Andante con moto
Autore: Vera Demes

Genere: Rosa

Disponibile in ebook a € 2,99

Pagina autore: Vera Demes - Pagina Ufficiale 





TRAMA:


Un ragazzo simpatico e spavaldo, un vero talento calcistico, uno sciupafemmine dal cuore romantico. 

E una ragazza bionda e gentile. Una musicista introversa e malinconica, con un'anima libera, coraggiosa e selvatica, ricca di pensieri segreti, di dolcezza e di sensualità rivelata.

Può l'amore superare il tempo, lo spazio e l'ineluttabilità del destino?

Matteo non ama complicarsi la vita. È un ragazzo semplice e deciso e ha molto chiari gli obiettivi da raggiungere. Gioca a calcio da quando era un bambino e, nella sua vita, non ha mai impedito all'istinto di indicargli la strada.
Così, quando, grazie ad un incontro fortuito, sul suo cammino compare Euridice, ancora una volta l'istinto decide per lui tracciando chiaramente la parabola dei suoi sentimenti.
Ma la realtà è più complicata di una partita di calcio.
Euridice è taciturna, misteriosa ed introversa e, dietro al proprio violoncello e al suo modo esitante di affrontare la vita, nasconde terribili verità.
In un percorso di passione e desiderio, rinuncia, espiazione e struggente lotta contro il tempo, lui cercherà di salvarla. Per salvare se stesso. 



DICE L'AUTRICE:


Il romanzo nasce dall'idea dei contrasti e da un mito famoso.


I contrasti sono quelli dei due protagonisti, Matteo, giovane calciatore pieno di entusiasmo, di progetti e di energia vitale ed Euridice, musicista introversa e crepuscolare, privata dei suoi sogni e delle sue speranze. Lui è la luce, lei è il buio. Lui è forza prorompente e rigenerante, lei è dolce rassegnazione e malinconica vulnerabilità.




Il mito è quello di Orfeo ed Euridice, una storia classica in cui la forza dell'amore tenta di abbattere le barriere della morte sfidando la caducità dell'esistenza.
I due protagonisti, proprio come Orfeo ed Euridice, si perderanno e poi si cercheranno, vittime del fato ma coraggiosamente pronte a contrastarlo.
Il romanzo si ispira alla convinzione che le differenze possano migliorare le persone e che la sofferenza generi bellezza portando sempre e comunque ad un rinnovamento. La vicenda dei due protagonisti, infatti, sarà fondata sulle differenze reciproche ma anche su un doloroso percorso di espiazione che, alla fine, li salverà entrambi.





BREVE ESTRATTO: 

«Non ho mai amato nessuna come amo te.» Matteo distolse brevemente lo sguardo dalla strada e la sentì vicina, in una comunione di sensi e di energia vitale che lo paralizzò e amplificò mille volte il senso di pienezza che gli riempiva il petto.
«Tu ci credi… alle parole della canzone…» Euridice prese la mano di lui tra le sue e la fissò. Era una mano bellissima, snella e virile, che le ispirava il desiderio di languide carezze e di un piacere atavico, che aveva riposato dentro di lei chissà per quanto tempo e che si era risvegliato insieme all'amore per lui, in modo travolgente e inedito.
«Sì, ci credo.» Matteo la guardò ancora, notando la luce cupa dei suoi occhi e quel sorriso triste che le increspava le labbra. «Voglio davvero prendermi cura di te… voglio che tu sia felice… non desidero altro che questo… credimi…»
Euridice annuì e poi, lentamente, appoggiò la testa sulla sua spalla ben fatta e lasciò che il tramonto si spegnesse dolcemente, aggredito dal buio e dalle luci fatue e tremolanti che riempivano la costa e le montagne, nei piccoli paesi arroccati sulla roccia come fortini inespugnabili. 



Nessun commento:

Posta un commento