Translate

venerdì 22 giugno 2018

NUOVE PUBBLICAZIONI "UN CUORE PER CAPELLO"



Vi segnalo due nuove pubblicazioni firmate Un cuore per capello:
- "Credi. Amami, finché posso amarti" di Livia Snow
- "Quando finisce un amore" di Anita Cainelli



Titolo: Credi. Amami, finché posso amarti
Autore: Livia Snow

Casa editrice: Un cuore per capello

Disponibile in ebook a € 0,99
a breve anche in formato cartaceo


TramaAdam ha ventiquattro anni e una malattia che non gli lascia scampo.

Fin dai primi sintomi, egli sente un richiamo: è una rosa, un’entità astratta che crede esista solo nella sua mente e che lo attira a sé, invitandolo a cercarla, esattamente come accadeva in una vecchia favola che sua madre gli raccontava quando era bambino.
Secondo questa storia la rosa sta morendo e, solo raggiungendola, egli avrà salva la vita e troverà nuova speranza per il futuro.
Seppur conscio della follia insita in tutto questo, Adam, disperato, rapisce Amelia, il medico che l’ha curato durante il ricovero in ospedale, e la obbliga a intraprendere insieme a lui un lungo viaggio per trovarla.
Un confine di stato dopo l’altro, la rosa sembra volerli aiutare e guidare con inquietanti indizi, inizialmente incomprensibili, ma che loro continuano a seguire coscienti di quei sentimenti forti da cui loro stessi non possono più scappare…

BiografiaLivia è nata a Bologna e vive sulle colline bolognesi insieme a uno svariato numero di animali di molteplici razze e dimensioni. Lavora nel campo della sanità in libera professione. Scopre la passione per la lettura da giovanissima e apprezza in modo particolare il genere horror e thriller, spaziando però anche al romance e alla narrativa generale. Da questa passione per la lettura è nata in modo del tutto spontaneo anche quella per la scrittura, che è stata e rimane una costante della sua vita. Attentissima a nascondere tutto ciò che le veniva in mente di scrivere, Livia ha man mano riempito quaderni e poi file word di storie fino a che, qualche tempo fa, una serie di eventi l’ha aiutata a superare questa ormai radicata incapacità a far leggere qualcosa di proprio agli altri. Scrive principalmente romance di stampo psicologico e quasi tutte le sue opere trattano di disagio psichico nelle sue varie forme. I temi che sceglie per le sue storie non sono fra i più facili, quindi cerca di mettere nella narrazione tutta la sua sensibilità, sperando di arrivare al cuore di chi legge. 

Estratto: Una rosa.
Un’unica, singola rosa. 
È sola. Attorno a lei l’erba è bruciata dal sole, il terreno è riarso e spaccato in crepe aride e profonde. 
Tutto, attorno a lei, è morte.
Ma lei è viva.
Respira. Pulsa. I suoi petali sono turgidi; dove tutto finisce, lei resiste. 
Ancora, respira. E si erge al di sopra di ogni cosa, al di sopra di tutti. Un occhio di sangue che toglie il fiato, che abbatte i pensieri, che annienta il dolore.
Un miraggio di salvezza così forte, così fragile… tenue come un sogno, evanescente come un’illusione. Eppure, lei è lì e continua ad aspettare.
Paziente.
Silenziosa.
Fermanello spazio e nel tempo.
Ma è necessario fare in fretta, perché la rosa sta morendo. E, quando anche l’ultimo petalo cadrà a celarsi fra gli steli d’erba ingialliti, allora ogni speranza sarà perduta.
Infinite esistenze all’interno di una piccola, fulgida rosa.
Oppure, una sola vita.
Una rosa per una vita.
Una rosa per la mia vita. 





Autore: Anita Cainelli

Casa editrice: Un cuore per capello

Disponibile in ebook a € 0,99
a breve anche in formato cartaceo

TramaSono certa vi sia un insieme di comuni denominatori che caratterizzano la fine di un amore. Non per le motivazioni, che possono essere le più svariate, ma per le sensazioni, i pensieri, i gesti che inevitabilmente seguono la parola “fine” di una relazione. Quello che ho voluto scrivere è una specie di diario disperato, malinconico, ma anche un po’ ironico, sicura che vi riconoscerete in molte tappe di questo viaggio e, soprattutto, nella ricerca di una motivazione, perché, come cantava Riccardo Cocciante, “non c’è mai una ragione perché un amore debba finire”.
Quando finisce un amore così com’è finito il mio, senza una ragione né un motivo, senza niente... 

Biografia: Anita Cainelli, abita a Bolzano, madre di due figli studenti universitari. Lavora come segretaria in un reparto oncologico. Ama molto leggere, soprattutto romanzi. Da bambina scriveva poesie, da adolescente adorava Leopardi e Pavese. E ha sempre amato scrivere: lettere ad amici, lettere di sfogo mai spedite, piccoli testi, frasi augurali. Aveva finito per scrivere solo mail di lavoro e lettere commerciali, finché ha pensato: il tempo trascorso a scrivere restituisce all’anima ciò che la vita quotidiana le porta via. Due suoi brevi racconti sono stati pubblicati da una piccola casa editrice.

Estratto: Mi manca il respiro, sento un peso sul petto che mi comprime la cassa toracica, ho una sensazione di svenimento… Tranquilli, non sto per avere un infarto, ho “solo” appena chiuso una storia d’amore durata due anni e mezzo! A pensarci, l’infarto sarebbe meglio. 
Già me lo immagino: lui che corre al mio capezzale, io in fin di vita, lui che mi dice quanto mi ama, che mi implora di non morire e io che, beh, o muoio contenta perché lui mi ama, yuppie! Oppure non muoio, mi riprendo, noi torniamo insieme e poi… lui torna ad essere il solito cretino e io a sentirmi infelice! No, non c’è soluzione. Niente infarto, meglio un bel cocktail, ancora meglio due o tre, non di farmaci, per l’amor di Dio! Solo alcol, mescolato ad altro alcol, un po’ di coloranti, due patatine, quattro olive e sei ore di pianto disperato appena lo stato di ebbrezza svanisce! 
Sono tristissima, mi sento sul classico bordo del baratro, incerta tra buttarmi giù e farla finita, o crogiolarmi in questa valle di lacrime e devastazione.



Nessun commento:

Posta un commento